Pallanuoto, il talento infinito Danilovic. Ortigia salvo, Florentia retrocede con onore.

Pubblicato il autore: Francesco Saverio Simonetti Segui
damjan-danilovic-ortigia-siracusa

Il montenegrino Danilovic, autore dei quattro gol salvezza per Ortigia.

Ieri, Venerdì 27 Maggio al palazzetto del nuoto di Sori, si è assistita una grande giornata di pallanuoto.

É andata in scena, infatti, la Final6 della 97esima edizione del campionato italiano.

La presenza in finale degli invincibili della Pro Recco e dei rivali dell’ AN Brescia già valeva di per sé il prezzo del biglietto.

Ad arricchire il palinsesto, però, ci han pensato due partite niente male. Lo scontro valevole per il terzo posto tra la nuova BPM Management Sport e la storica Canottieri Napoli; e l’atto forse più tragico di tutto, la finale playout tra CC Ortigia e RN Florentia.

La giornata si è aperta con una schiacciante vittoria della BPM che vola in Champions League, e il pubblico pagante attende solo la finale tra i favoritissimi della Pro Recco e l’AN Brescia che, da quattro anni, non riesce a rompere il predominio ligure.

Ma ad infiammare il palazzetto ci pensa il match al cardiopalma delle 16.00 tra i favoriti siracusani dell’Ortigia e i fiorentini del Florentia, che erano stati ripescati dopo la retrocessione dell’anno scorso e l’ampliamento del campionato di quest’anno.

Chi perde retrocede.

Di fronte a un pubblico di 400 spettatori, poi diventeranno circa 1500 per la finalissima, le due compagini danno vita ad un match semplicemente bellissimo.

Ecco a voi le formazioni e la sintesi della partita.

RN Florentia: Mugelli, Colombo, Generini, Dani, Panerai, Vasic, Brancatello, Bruni, Oneto Gomes, Gobbi, Astarita, Panerai, Cicali. All. Minetti.

CC Ortigia: Patricelli, Siani, Abela, Puglisi, Di Luciano, Lisi, Camilleri, Blagoje Ivovic, Rotondo , Danilovic, Casasola, Polifemo, Negro. All. Leone.

Arbitri: Gomez e Bianchi.

A rendere ancora più suggestivo l’incontro, si tratta dell’ultima partita dell’arbitro internazionale Mario Bianchi dopo 355 presenze in serie A.

Il match è equilibrato, si lotta su ogni pallone sulla superficie e qualche strattonata di troppo sotto l’acqua. Di fatto, si va a segno solo in superiorità numerica.

Vasic sugli scudi, saranno ben quattro le sue marcature, viene subito ripreso da Ivovic, Oneto Gomes riporta in vantaggio la Florentia, ma Lisi sancisce il 2 a 2 che pone fine al primo tempo.

Sprazzi di grande pallanuoto si assistono nel secondo quarto, chiuso con il risicato vantaggio dell’Ortigia sul 6 a 5. Degne di nota sono la parata di Mugelli sul rigore di Camilleri, che poi si riscatterà grazie ad una beduina da posizione defilata che, a sua volta, risponde ad una morbidissima palombella di Bruni.

Con altri due gol, Vasic tiene a galla la Florentia nel terzo periodo, chiuso sull’8-7 per l’Ortigia grazie alla terza rete di un immenso Danilovic.

In apertura del quarto, poi, Danilovic si inventa la giocata della partita. Finta il tiro potente e beffa Mugelli con un raffinato arcobaleno dai 5 metri. Si tratta del primo doppio vantaggio per la squadra siciliana. La Florentia a questo punto attacca ai limiti dell’umano, ma Patricelli para tutto. Sarà infine Astarita l’ultimo ad arrendersi per la compagine toscana, rispondendo per due volte ad Ivovic, autore di una tripletta.

Non basta la grinta della RN Florentia per sconfiggere una storica del campionato italiano, ritrovatasi quasi per caso nella lotta salvezza, capitanata dal talento indiscutibile di Danilovic.

Florentia, con vero onore, retrocede in A2.

  •   
  •  
  •  
  •