Paltrinieri Detti, doppietta storica agli Europei di nuoto

Pubblicato il autore: Primo Anselmi Segui

paltrinieri-detti
Una gara pazzesca che entrerà nella storia del nuoto italiano: Paltrinieri e Detti entrambi sul podio dei 400SL, sui due gradini più alti. Un’impresa simile era riuscita solo al duo Brembilla e Rosolino nel 2002, nella finale di 400 Stile Libero valevole per gli Europei di nuoto e verrà sicuramente ricordata negli annali di questo sport, da poco protagonista di una grande crescita grazie ad un cambio generazionale che si attendeva ormai da anni. Un perfetto Gregorio Paltrinieri vince la gara segnando il record europeo con il tempo di 14’34″04, secondo solamente al record mondiale di Sun Yang, suo grande rivale nel corso dell’ultima edizione delle Olimpiadi. Buona anche la prestazione di Detti che chiude con un 14’48″75 riuscendo nelle ultime due vasche ad avere la meglio sull’ucraino Romanchuk in 14’50″33.

Le dichiarazioni dei protagonisti:

Alla fine della gara il Gregorio nazionale, stremato, ha dichiarato:“E’ venuto fuori un garone, non immaginavo di fare un crono del genere. Volevo vincere, volevo farlo bene. E’ venuta una gara fantastica. Mi sto allenando bene, mi sto allenando duramente. Ho staccato la spina solo il martedì dopo la batteria, per il resto ho fatto tutti giorni serie a limite. Allenarsi tanto, duramente funziona. Rio? Beh: spero di fare bene anche lì… Questa era una tappa di passaggio per vedere come sarebbe andata con carichi di lavoro così alti. Anche vedendo che a Riccione, scaricando un po’, mi sentivo 10 volte peggio. Sono cose che però in una stagione possono succedere. Devo arrivare a Rio mettendo in atto tutto quello che serve”
Un grande plauso va fatto anche a Gabriele Detti che, pur faticando, è riuscito a mettersi alle spalle l’ucraino nelle ultime due vasche: “Ho fatto una fatica mostruosa – ha dichiarato -, finire secondo dietro a Gregorio era quello che volevo. Dopo l’oro nei 400 è arrivato questo argento. Ho sentito parecchia fatica, speravo in qualche secondo in meno. Ora la testa va sugli 800 metri. Gregorio? Tanto di cappello”.

Tripletta per Morini (zio di Detti), allenatore di Paltrinieri, Detti e Romanchuk

Il più felice di tutti è sicuramente lo zio di Detti (l’allenatore Morini) “autore” di una fantastica tripletta perché è l’allenatore sia di Gregorio Paltrinieri che di suo nipote Gabriele sia dell’ucraino Romanchuk, tutti allenati e preparati duramente presso il centro sportivo di Ostia, da sempre culla di grandi talenti:“E’ un grandissimo momento di piacere. Mi emoziono sempre, ma oggi… Il duro lavoro quotidiano di stare sempre assieme mi emoziona sempre. Vedere il frutto di tanto lavoro è la cosa principale, poi loro sono due ragazzi stupendi, educati, lavorano sempre e in silenzio senza mai alzare la cresta, magari loro avrebbero anche ragione di lamentarsi per qualche mia brontolata in più. Però mi apprezzano per quello che sono e io apprezzo loro. Sono fenomeni. Devo dire sul podio ho fatto tris, perché il podio tutto mio, avendo allenato anche l’ucraino Romanchuk perché è stato a Ostia a lavorare con me”.
Che questi due talenti ci facciano sognare anche a Rio? Speriamo bene perché le basi per costruire qualcosa di storico ed indimenticabile sicuramente non mancano.

  •   
  •  
  •  
  •