Tuffi: Tania Cagnotto di nuovo d’oro e Bertocchi finisce seconda!

Pubblicato il autore: Angelo Gambella Segui

Doppietta italiana ai campionati europei di tuffi di Londra,  con Tania Cagnotto che agguanta una nuova medaglia d’oro ed Elena Bertocchi, che con una gara regolare, conquista uno splendido argento nella gara del trampolino da 1 metro.
Subito dopo Tania Cagnotto e Maicol Verzotto si presentano nella finale del sincronizzato da 3 metri e si aggiudicano la medaglia d’argento.

Cagnotto-B(Bertocchi e Cagnotto festeggiano il risultato)

Tania Cagnotto vince la prova del trampolino da un metro agli Europei londinesi, confermandosi la numero uno assoluta d’Europa. Per Tania è il suo settimo oro nella specialità, l’undicesimo individuale e addirittura il diciottesimo totale con i tuffi sincronizzati.
Cagnotto fa una prova da fuoriclasse e rimedia all’errore al secondo tuffo eseguendo una serie da applausi e chiude con 284.15 punti. A poca distanza finisce Elena Bertocchi, che conquista l’argento con 281.30 punti, a soli 2.85 punti di distanza dalla medaglia d’oro.

I precedenti dell’en plein azzurro negli europei di specialità risalgono a Cagnotto-Dibiasi a Barcellona ’70, Dibiasi-Cagnotto a Vienna ’74, fino Cagnotto-Marconi a Torino ’09.

tania cagnotto(foto d’archivio di Tania Cagnotto)

LA SERIE DI TANIA CAGNOTTO
403B uno e mezzo ritornato carpiato 61.20 (1)
105B doppio e mezzo avanti carpiato 44.20 (6)
203B uno e mezzo indietro carpiato 58.65 (4)
5333D uno e mezzo rovesciato con un avvitamento e mezzo 63.70 (1)
303B uno e mezzo rovesciato carpiato 56.40 (1)

LA SERIE DI ELENA BERTOCCHI
403B uno e mezzo ritornato carpiato 56.40 (4)
105B doppio e mezzo avanti carpiato 58.50 (3)
203B uno e mezzo indietro carpiato 55.20 (2)
303B uno e mezzo rovesciato carpiato 54.00 (2)
5333D uno e mezzo rovesciato con un avvitamento e mezzo 57.20 (2)

Tania Cagnotto ad agosto parteciperà alla quinta edizione dei Giochi Olimpici, superando due mostri sacri come il padre Giorgio e Klaus Dibiasi.

Per una Cagnotto che ormai ci ha abituati a grandi risultati, lasciamo la parola ad Elena Bertocchi che si dichiara felicissima: “prima della gara ho avuto un calo di zuccheri, mi veniva da svenire. Per fortuna è andata bene, sono molto contenta. Sono partita che ero un po’ agitata, però non sono andata male. Ci guardiamo con il mio allenatore perché è come se mi stesse più vicino e mi aiutasse. Questa medaglia è l’inizio di una carriera, ormai Tania e le altre dopo l’Olimpiade smetteranno”.
Se la bolzanina deciderà di ritirarsi, però, è ancora da vedere vista la bravura dimostrata ancora una volta che la rende sempre la numero uno del vecchio continente.
Invece, la ventiduenne milanese di Esercito e Canottieri Milano finora aveva raccolto come miglior piazzamento un quarto posto lo scorso anno a Rostock proprio ai campionati europei di specialità.

Tania Cagnotto torna poco dopo a tuffarsi per la finale da tre metri sincro in coppia con Maicol Verzotto. 

Nella finale 3 metri sincro Cagnotto-Verzotto sfidano le coppie Nero-Paradzik (Svezia), Favre-Dutoit (Svizzera), Reid-Daley (Gran Bretagna), Velazquez-Arevalo (Spagna),  Nedobiga-Kolodiy (Ucraina), Wassen-Barthel (Germania) e Bazhina-Shleikher (Russia).
All’ultima serie di tuffi gli azzurri si presentano alle spalle dei russi. Non è dei migliori l’ultimo tuffo e mettono a rischio anche l’argento. L’attesa è nella prova dei rivali britannici che fanno meglio dei nostri, ma la coppia russa ormai favorita non è precisa nell’ultimo tuffo e finisce terza. La Gran Bretagna si aggiudica l’oro per Tania Cagnotto e Maicol Verzotto è argento con 308.70 dietro i 321,96 della coppia britannica e 305.28 del duo russo.

Soddisfatto ai microfoni Giorgio Cagnotto.

  •   
  •  
  •  
  •