Mare Nostrum Barcellona – si nuota in ottica Rio

Pubblicato il autore: Michele D. Segui

Katinka Hozzzu
La terza e ultima tappa del circuito Mare Nostrum va in scena a Barcellona, nella piscina del Club Nataciò Sant Andreu. Oltre ai soliti stakanovisti Hosszu, Le Clos e Hagino, si presenta una folta rappresentativa inglese con Adam Peaty e Fran Halsal, e le campionesse Sara Sjostrom e Ruta Meilutyte.

La Hosszu anche qui non si risparmia: nuota parecchie gare come al solito e vince i 400 misti con il quarto sub 4:31 della sua stagione (4:30.75), i 200 misti in 2:10.26 e i 200 dorso in 2:08.18. La svedese Sarah Sjostrom porta a casa quattro gare : i suoi 100 farfalla in 56.96, i 50 farfalla in 25.27, i 100 stile in 53.97 e i 50 stile in 24.45. Nuota pure le batterie dei 200 stile in 1:59.20. Adam Peaty invece fatica ma mantiene la sua imbattibilità nei 100 rana, che dura dal 2014: 59.07 per avere la meglio nel finale di un combattivo Felipe Franca Silva (59.26). Stesso copione nei 50, con Peaty a 26.68 e Silva a 26.97.

Chad Le Clos stavolta si concentra sulle gare da 200, vincendo a farfalla in 1:54.42 e arrivando secondo in 1:47.11 nello stile libero, in una gara vinta dal campione del mondo di Kazan James Guy in 1:46.91. La lituana Ruta Meilutyte, a 19 anni già regina di tutto il possibile, si prepara all’assalto del secondo oro olimpico consecutivo nuotando i 100 rana in 1:06.00, a 16 centesimi dal suo migliore stagionale. Per lei anche un’ottimo 50 vinto in 29.98, miglior tempo dell’anno.

Nutrita e ancora agguerrita la pattuglia giapponese che ha nuotato tutte le tre tappe del circuito: il solito Kosuke Hagino fa suoi i 200 misti in 1:57.33 e i 400 in 4:11.67, la campionessa mondiale in carica Natsumi Hoshi fa suoi i 200 farfalla in 2:08.24, e l’altra campionessa mondiale Kanako Watanabe i 200 rana in 2:23.01, suo migliore stagionale in una annata finora sottotono per lei. Sempre on fire la baby Rikako Ikee (2000), seconda nei 100 farfalla in 57.93 e nei 100 stile in 54.15. Shinri Shioura fa suoi i 100 stile con un modesto 49.41 .

Nelle Altre gare, la britannica Jazmin Carlin fa suoi i 400 stile in 4:05.69 e gli 800 in 8:31.96, il tedesco Jean Philipp Glania i 100 dorso in 54.42, Steffen Deibler i 100 farfalla in 52.19, Christian Diener i 200 dorso in 1:58.28, Georgia Davies fa doppietta 50-100 dorso con 27.84-1:00.42 rispettivamente, mentre Shane Ryan si aggiudica i 50 dorso con il nuovo record irlandese di 25.09. Marco Koch si prende la rivincita su Anton Chupkov che l’avava battuto tre giorni fa a Canet vincendo in 2:09.05 contro il 2:09.24 dell’avversario. Chiudiamo con l’uomo probabilmente più in forma dei campionati, ossia Andrei Govorov che anche qui si porta a casa i 50 farfalla, 23.16, e sopratutto i 50 stile con un ottimo 21.61.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: