Trials Usa al via oggi: occhi puntati su Phelps

Pubblicato il autore: Mario Massimo Perri Segui
Trials Usa, Phelps proverà a qualificarsi per le Olimpiadi di Rio 2016

Trials Usa, Phelps proverà a qualificarsi per le Olimpiadi di Rio 2016

Partiranno oggi, sabato 25 giugno 2016, i Trials americani di nuoto, che stabiliranno gli atleti a stelle e strisce che si batteranno alle Olimpiadi di Rio 2016 per la conquista di una medaglia. I giochi si concluderanno nella giornata di domenica 3 luglio. I Trials si svolgeranno nell’Omaha, presso il Century Link Center, che ospita per la terza volta consecutiva questo attesissimo evento. Saranno 1800 i partecipanti ai Trials Usa. Tra questi, solo in cinquantadue (ventisei uomini e ventisei donne) andranno a far parte della spedizione olimpica. Le luci dei riflettori sono tutte per lui: Michael Phelps, il nuotatore più forte di sempre ritiratosi dopo Londra 2012 e tornato in attività per sbancare i giochi di Rio.

Trials Usa, la carica dei 1800 nuotatori statunitensi

È tanta l’attesa, tra gli statunitensi, di conoscere gli atleti che andranno a comporre la compagine di nuoto a stelle e strisce alle prossime Olimpiadi di Rio. Per qualificarsi ai giochi, sarà necessario piazzarsi nei primi due posti della gara finale (quindi dopo le batterie). Certamente, un traguardo alla portata di tutti gli atleti di punta americani: dalla baby fenomena Katie Ledecky al dominatore dei 100 sl Nathan Adrian, dal sempreverde Ryan Lochte passando per il più grande interprete nella storia di questo sport: Michael Phelps. Il nativo di Baltimora, tornato recentemente alle gare dopo il ritiro, proverà a qualificarsi in tre diverse specialità, per poter andare a riscrivere, nuovamente, la storia dei giochi Olimpici (a Rio potrà puntare a conquistare sei medaglie, se si considerano le tre staffette alle quali prenderà parte). Ecco il programma completo dei Trials Usa: SABATO 25 GIUGNO: 400 misti (mx) uomini, 100 farfalla donne, 400 stile libero (sl) U, 400 mx D, 100 rana U. DOMENICA 26 GIUGNO: 100 dorso D, 200 sl U, 100 rana D, 100 dorso U, 400 sl D; finali anche 100 farf. D e 100 rana U. MARTEDI’: 200 sl D, 200 farf. U, 200 mx D; finali anche 200 sl U, 100 dorso D, 100 dorso U, 100 rana D. MERCOLEDI’: 100 sl U, 200 farf. D, 200 rana U; finali anche 200 sl D, 200 farf. U, 200 mx D. GIOVEDI’: 100 sl D, 200 dorso U, 200 rana D, 200 mx U; finali anche 200 rana U, 200 farf. D, 100 sl U. VENERDI’: 50 sl U, 800 sl D, 100 farf. U, 200 dorso D; finali anche 200 rana D, 200 dorso U, 200 mx U, 100 sl D. SABATO 2 LUGLIO: 50 sl D, 1500 sl U; finali anche 200 dorso D, 100 farf. U, 800 sl D, 50 sl U. DOMENICA 3 LUGLIO: finali 50 sl D, 1500 sl U.

Trials Usa, gli atleti parlano del caso doping in Russia

Non poteva passare inosservato il caso doping in Russia. I nuotatori assicurano, in coro unanime, che questi Trials Usa saranno all’insegna della trasparenza e della pulizia da qualsiasi forma di doping. A destar preoccupazione, in particolare, è il caso della Efimova, convocata dalla federazione russa di nuoto per le Olimpiadi di Rio. A schierarsi contro questa scelta è David Marsch, responsabile della nazionale femminile di nuoto e personal coach di Ryan Lochte: “È impensabile permettere di partecipare alle Olimpiadi a chi è già risultato positivo due volte. Il doping in Russia ha assunto, negli ultimi tempi, proporzioni gigantesche, diventando una pratica comune nella maggior parte degli atleti. Io non avrei permesso ad atleti dopati di gareggiare ai Giochi”.

  •   
  •  
  •  
  •