Rio 2016: Michael Phelps sarà il portabandiera degli Stati Uniti

Pubblicato il autore: Michele D. Segui

phelps
Michael Phelps
è stato scelto dal comitato olimpico statunitense come Portabandiera USA alla cerimonia di apertura dei giochi olimpici, in programma venerdi al Maracanà. Al termine di una votazione effettuata da tutti gli atleti americani presenti qui ai giochi, il campione del nuoto è stato scelto battendo tra gli altri il campione di pallanuoto Acevedo. Phelps ha fatto la storia delle olimpiadi vincendo 22 medaglie, di cui 18 d’oro, in quattro partecipazioni. A Pechino 2008 stabilì lo strabiliante record di 8 medaglie d’oro, mentre a Londra arrivò al record complessivo di medaglie, prima di chiudere temporaneamente col nuoto per insofferenza verso gli allenamenti . Dopo il ritorno nel 2014 e qualche problemino con la giustizia per accessi alcolici che gli ha fatto perdere gli ultimi mondiali, si presenta a Rio con concrete possibilità di vittoria in tutte le gare a cui parteciperà, cioè 100 e 200 farfalla e 200 misti, più due-tre staffette. Certo nessuno più di lui si meritava un riconoscimento del genere: nelle scorse edizioni, vista anche la partecipazione ai 400 misti il primo giorno di gare, si era sempre tolto dalla mischia, ma ora senza gare la prima giornata la situazione è cambiata, e si è detto onorato sin da subito quando il suo nome è stato proposto alla votazione.
Queste le sue parole riportate da Usaswimming.org con un comunicato: “Sono onorato di essere stato scelto, e fiero di rappresentare gli Usa in un ruolo cosi importante. È un grande onore portare la nostra bandiera. A Sydney volevo semplicemente entrare in squadra,  ad Atene volevo vincere almeno un oro per il mio paese. A Pechino fare qualcosa che nessuno aveva mai fatto. A Londra volevo fare la storia. Ora invece voglio camminare davanti a tutti nella cerimonia di apertura, rappresentare l’America nel miglior modo possibile e rendere la mia famiglia orgogliosa. Questa volta tutto ciò è più importante pure delle medaglie“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: