Gregorio Paltrinieri, il record e Roma 2024. Le parole del campione olimpico

Pubblicato il autore: Marcello Mutalipassi Segui

Gregorio Paltrinieri record

Gregorio Paltrinieri, record e Roma 2024 – L’Italia olimpica del nuoto si è radunata ieri a Roma per un evento Arena, famoso sponsor tecnico per la squadra di nuoto italiana. Tutti i riflettori erano puntati su Gregorio Paltrinieri, oro nei 1500 stile libero a Rio de Janeiro. Chiari già i progetti per il futuro e la preparazione per Tokyo 2020, Paltrinieri guarda ancora più in là e dice la sua sulla vicenda Raggi-Roma 2024. “Un vero peccato per Roma, un’occasione persa. Sarebbe stato bello per noi atleti e per tutto il pubblico italiano poter vivere un’olimpiade in casa”.

Gregorio Paltrinieri, record e Roma 2024 – Gregorio Paltrinieri non solo ha vinto l’oro a Rio nei 1500 stile libero, ma ha seriamente avvicinato il record mondiale di categoria (stabilito da Sun Yang alle scorse edizioni olimpiche di Londra 2012, con il tempo di 14′ 31” 02 in vasca lunga). Il pensiero di Greg sul record però non è prioritario per lui: “Il record del mondo sarebbe bellissimo, conseguirlo ti dà una grande soddisfazione”. Dichiara ai giornalisti presenti, “ma non voglio che diventi un’ossessione. Quello che mi interessa, al momento, sono le medaglie. Per questo cercherò sempre di mettere le mani davanti ai miei diretti avversari, se poi con ciò dovesse arrivare anche il record… tanto di guadagnato. Non sono troppo lontano, mi sento in forma e magari già darò il massimo affinché accada”.
Paltrinieri è già in modalità Tokyo 2020, e con lui anche il suo amico/rivale Gabriele Detti. Doppio bronzo olimpico a Rio (1500 stile libero, sul podio insieme a Paltrinieri, e 400 stile libero), mette subito le cose in chiaro riguardo il rapporto che lega i due nuotatori: “Siamo troppo amici fuori dall’acqua, in acqua invece siamo completamente differenti”, queste le parole di Gabriele ai giornalisti presenti all’Hotel Cavalieri di Roma. “Non c’è alcuna rivalità. Io ho già in mente come prepararmi per Tokyo e voglio dare il massimo nei 400 metri. Gareggerò anche nei 1500, certamente, ma punto all’oro nell’altra specialità”.
I 400 metri invece non sono il pane per Greg che sta pensando a partecipare anche alla disciplina di 10 km di fondo. “Ho lavorato duramente questi ultimi tre anni”, dichiara il nuotatore di Carpi. “Ho ottenuto degli ottimi risultati ma voglio fare ancora meglio, voglio vincere ancora tanto. Da ora si comincia a lavorare, per i prossimi quattro anni in vista di Tokyo”.

Gregorio Paltrinieri, record e Roma 2024 – In ultimo Paltrinieri non si tira indietro ad esprimere la sua sulla candidatura di Roma alle olimpiadi del 2024. “Penso che sia un’occasione persa per tutti gli italiani, atleti e spettatori”. Senza commentare sullo sforzo che il CONI ha profuso per sponsorizzare la propria candidatura, Paltrinieri prosegue: “Molti non si rendono conto di che spettacolo sarebbe stato poter ospitare i giochi olimpici in casa. Sia per gli atleti, sia per gli spettatori, ci sono delle emozioni che non si possono descrivere se non vivendole in prima persona. Vedere una gara olimpica dal vivo o viverla da protagonista davanti al proprio pubblico sono esperienze che capitano una sola volta nella vita. E mi dispiace che Roma debba ancora aspettare”.

  •   
  •  
  •  
  •