Nuoto: parte la coppa del mondo, doppio record del mondo per Morozov nei 100 misti

Pubblicato il autore: Michele D. Segui

vladiimir morozov
Sono passate poco più di due settimane dalla fine dei giochi olimpici, ma gli aficionados più irriducibili delle piscine proprio non ce la fanno a stare lontano dall ‘acqua , rituffandosi subito nella coppa del mondo, che ha fatto tappa a Chartres in Francia prima e a Berlino in Germania poi, ritornando al format tradizionale in vasca corta abbandonato lo scorso anno per permettere agli atleti di avere più gare in vasca lunga in cui ottenere il tempo limite per Rio. Non poteva mancare Katinka Hoszzu, la Iron Lady ungherese reduce da 3 ori e un argento a Rio, che vince la classifica finale e fa cassa in coppa del mondo da 4 anni consecutivi e quest’anno ha già praticamente tentato di ipotecare la classifica già dalla prima tappa: in terra francese ha vinto 6 gare, mentre in Germania ne vince 7. Da segnalare un 1:52.08 nei 200 stile, 2:05.57 nei 200 misti, 4:27.67 nei 400 misti, 55.93 nei 100 dorso, 57.12 nei 100 misti. Per lei già 137 punti di vantaggio sulla seconda in classifica.
In queste prime due tappe, sono caduti 3 record del mondo: due per mano del russo Vladimir Morozov, deluso di Rio che ha fatto segnare nei 100 misti prima 50.60 in Francia poi 50.30 in Germania, mentre nei 100 rana donne la giamaicana Alia Atkinson ha eguagliato il suo primato( condiviso con la Meilutyte) in 1:02.36 : da segnalare che la giamaicana è la seconda volta che eguaglia il record , cosa che non gli permette di ottenere il premio di 10000 dollari che ottiene chi lo batte, ma non chi lo eguaglia.
Ci è andata vicina, ma non c’è riuscita Daryna Zevina, che nei 200 dorso in terra francese ha concluso in 1:59.36, battendo la Hosszu e mancando il primato del mondo della magiara per 16 centesimi. Anche Chad Le Clos fa la barba al record nei 200 farfalla, gara che l’ha visto scornato, spodestato e addirittura quarto all’olimpiade: 1:49.33 con un passo da record per 170 metri.
In terra francese migliori risultati il 20.81 e il 45.57 di Morozov nei 50 e 100  stile, 56.42 nei 100 per Van der Burgh che vince tutte le distanze della rana cosi come Le Clos quelle del delfino. La Atkinson fa 29.25 nei 50 rana
Nella tappa tedesca degni di nota  il 3:39.20 del britannico James Guy nei 400 stile, l’1:02.92 della statunitense Katie Meili nei 100 rana, il 2:01.92 di Marco Koch nei 200 rana, il 25.75 e 56.42 di Cameron Van der Burgh rispettivamente nei 50-100 rana, il 23.58 e il 51.87 della Ottessen nei 50 e 100 stile,  la doppietta del tedesco Heinz nei 200 stile e 200 misiti con 1:43.13 e 1:52.03 e il 45.79 del solito Morozov nei 100 stile. Le Clos fa tripletta nella farfalla con 22.15 nei 50 e 48.66 nei 100, a due decimi dal suo record del mondo, mentre l’olimpionica Rie Kaneto fa suoi i 200 rana in 2:16.27 davanti alla Efimova.
Si rivede infine uno super-specialista della corta come Stanislav Donets, che vince i 100 dorso in 50.06, battendo tra gli altri l’Australiano Mitch Larkin, che invece fa suoi i 200 in 1:48.81
La prossima tappa sarà in terra russa a Mosca, dal 3 al 4 Settembre, poi la competizione si sposterà in asia, dove tra fine settembre e fine Ottobre vi sarano tutte le altre tappe.
Questo il calendario:
3-4 Settembre – Mosca
31 Settembre-1 Ottobre – Pechino
4-5 Ottobre – Dubai
8-10 Ottobre – Doha
21-22 Ottobre – Singapore
25-26 Ottobre – Tokyo
29-30 Ottobre – Hong Kong

  •   
  •  
  •  
  •