Pro Recco senza pietà: e ora l’Europa

Pubblicato il autore: marco benvenuto

PRO RECCO

La Pro Recco vince a Napoli contro il Posillipo 9-4 in una partita molto equilibrata per metà gara, con i primi due tempi che si concludono in parità. Testa, forse, all’impegno di Champions, ma certamente un Posillipo che si è dimostrato avversario straordinario. Un mix che ha reso la serata meno facile di altre volte alla compagine recchelina.

Campani subito aggressivi e concentrati: al primo attacco passano in vantaggio con un proiettile di Foglio che non lascia scampo a Tempesti. Serve un alzo e tiro di Di Fulvio per rimettere in parità il primo quarto a due minuti dalla fine. Equilibrio che dura cento secondi perché Rossi, in situazione di superiorità, riporta avanti i napoletani. Nell’azione successiva i biancocelesti trovano il 2-2 con Sukno.
Partita intensa anche nei secondi otto minuti, con il Posillipo che si porta in vantaggio per la terza volta consecutiva grazie a Marziali, glaciale di fronte a Tempesti. La Pro Recco alza i giri, ma sbatte contro un Negri in grande serata. E allora c’è bisogno nuovamente dell’astuzia di Sukno: il croato elude la difesa di Occhiello e gonfia la rete per il 3-3 che chiude la prima metà di gara.
Pro Recco in affanno in certe fasi del match ma, comunque, in grado di roversciarne gli esiti in ragione di un organico superiore. Cosa che poi avviene nella frazione successiva.
Al cambio campo i ragazzi di mister Vujasinovic riescono per la prima volta a girare il risultato a proprio favore con Ivovic, bravissimo a trovare il varco giusto e scaricare un destro su cui il numero uno napoletano non può nulla. Il palo salva la Pro Recco sul tiro di Subotic e un minuto dopo i biancocelesti vanno sul +2 con Echenique tutto solo davanti a Negri.
Nel quarto tempo la maggiore brillantezza fisica dei biancocelesti fa la differenza. E così Di Fulvio in superiorità, Mandic e Figlioli, regalano l’allungo decisivo. Di Vlachopoulos e Figari le ultime due reti del match per il 4-9 finale: la Pro Recco prosegue la sua marcia solitaria in classifica.

Abbiamo faticato, il Posillipo è una bella squadra, si è rinforzato molto e a Napoli non è mai facile giocare – ammette Francesco Di Fulvio, anche oggi tra i migliori -. Venivamo da una settimana di allenamenti intensi ad Atene con l’Olympiakos e quindi sapevamo che avremmo incontrato delle difficoltà. Loro hanno speso tanto nei primi tre tempi per starci dietro e noi, comunque, abbiamo macinato gioco senza concretizzare. È stato un ottimo test in vista di mercoledì: c’è l’esordio in Champions, a Genova, in una piscina in cui non abbiamo mai giocato. Una partita che non sarà scontata e nella quale vogliamo fare bene”.

IL TABELLINO

  •   
  •  
  •  
  •