Pro Recco: vince a Torino e va a comandare

Pubblicato il autore: marco benvenuto Segui
Pro Recco

Andrea Agnelli e Maurizio Felugo

La Pro Recco è andata a comandare in vasca a Torino dove ha riportato non solo una squillante vittoria, ma ha anche conquistato, in solitaria, la vetta del campionato. Vince la Pro Recco per 17-3, battendo la neopromossa Torino 81.   (LA PARTITA NEL DETTAGLIO)

Inizio combattuto con il primo gol di marca biancoceleste che arriva dopo oltre cinque minuti con un tiro all’incrocio dei pali di Di Somma. La marcatura del numero 6 stordisce la squadra di Aversa che subisce in serie le reti di Echenique (in superiorità) e ancora Di Somma per il primo parziale di 0-3.. Per la Pro Recco, rotto il ghiaccio, non è difficile imporre la propia cifra tecnica superiore.
Nel secondo periodo i gialloblu partono meglio con le reti di Filipovic e Seinera, inframmezzate dal bolide di Figlioli che piega le dita a Rolle. I biancocelesti però allungano con Bodegas, Mandic e doppio Di Fulvio, portandosi sul 2-8 che di fatto chiude i giochi in anticipo.
Nel terzo tempo c’è spazio per una palombella deliziosa di Seinera che rende meno amaro un passivo che aumenta con il passare dei minuti grazie agli scatenati Sukno, Di Fulvio, Echenique e Bodegas.
Negli ultimi otto minuti la Pro Recco blinda la porta (in vasca Dufour) e torna a casa con il sorriso.
Una vittoria che arriva davanti al presidente della Juventus Andrea Agnelli, al presidente del J-Museum Paolo Garimberti e alla conduttrice televisiva Cristina Chiabotto: a bordo vasca, seduti al fianco del numero uno biancoceleste Maurizio Felugo, i super ospiti si sono goduti lo spettacolo di un Palanuoto gremito e festante.
“Una serata di grande sport – afferma mister Vujasinovic – mi congratulo con il Torino 81 per quanto realizzato, uno spettacolo così non si vede ogni giorno e tutti dobbiamo imparare da quello che stanno facendo”.
“Se le piscine fossero sempre piene così, la pallanuoto sarebbe uno sport ancora più bello – osserva capitan Tempesti – complimenti alla Società per questa festa”.

 

  •   
  •  
  •  
  •