Italvolley: prime riflessioni di Blengini dal ritiro azzurro

Pubblicato il autore: Manuela Passarella Segui

italvolley

“Le Olimpiadi Rio 2016 sono alla nostra portata”. E’ sicuro di sé e delle capacità della squadra il neo allenatore della Nazionale maschile di Pallavolo. Dal ritiro di Cavalese, il Ct Gianlorenzo Blengini parla dei suoi uomini e del lavoro che sta effettuando l’Italvolley in vista della World Cup del Giappone di settembre, dalla quale le prime due nazionali classificate staccheranno il biglietto per il Brasile.

“L’obiettivo – ha detto nel suo primo incontro da Ct con la stampa – è quello di lavorare duramente in vista del torneo per la qualificazione olimpica; tutte le persone che sono qua sono consapevoli dell’importanza della World Cup e della seconda parte della stagione nel suo complesso. Per quanto mi riguarda sono determinato a fare bene, lavorando con umiltà, ma focalizzando energie psico-nervose su il torneo nipponico e successivamente sugli Europei. Tutti noi daremo il massimo, perché siamo consapevoli delle difficoltà degli appuntamenti ma anche del nostro valore”. 

Blengini, sempre in ottica World Cup, ha dichiarato: “Faremo in modo di farci trovare pronti da subito, dalla prima gara e da quel momento in poi affronteremo partita dopo partita, senza mai fare un passo più lungo della gamba. In questo momento la nostra priorità è lavorare con obiettivi ben prefissati, step by step”. E allora un passo alla volta pensando ad un avversario alla volta: Canada, Australia, Egitto e Polonia.

L’Italvolley non può permettersi passi falsi e deve riscattare le cocenti delusioni di quest’ultimo anno: dai deludenti risultati del Mondiale dove gli azzurri si sono piazzati tredicesimi alla World League di quest’anno che ha visto la nostra Nazionale solo sesta. “Abbiamo grandi atleti tra le nostre fila – conclude il commissario tecnico – ci speriamo!”

  •   
  •  
  •  
  •