Italvolley, U18F Campionesse del Mondo: il futuro promette bene

Pubblicato il autore: Manuela Passarella Segui

u18 oro

Quella appena trascorsa in Perù è stata la notte dei desideri che diventano realtà per dodici ragazze con indosso la maglia della Nazionale italiana di volley.

Campionesse del Mondo under 18. Un successo storico per le ragazze di mister Mencarelli, che con secco e inequivocabile tre a zero hanno battuto le statunitensi e sono salite sul gradino più alto del podio. Il carrarmato Italia ha letteralmente dominato la sfida per l’oro, il primo per questa categoria, chiudendo i parziali con break che non lasciano spazio ad interpretazioni: 25-20, 25-18 e 25-16. Una finale a senso unico con le azzurrine che non hanno lasciato respirare le americane, in crisi sotto i servizi di Piani e compagne che hanno totalizzato 13 ace contro i 4 delle avversarie.

Migliore marcatrice del match Paola Egonu, che si è aggiudicata anche il premio di Miglior giocatrice del campionato. Ma un’altra italiana ha conquistato il titolo di Miglior palleggiatrice, la nostr Alessia Orro. Entrambe hanno esordito nella Nazionale maggiore in occasione del Gran Prix, insieme a Botezat, Piani e Zannoni. Una nazionale che promette non bene di più, soprattutto in vista del futuro. Soltanto in questo campionato del mondo le azzurrine – mica tanto – hanno asfaltato Turchia, Cuba, Brasile e Giappone nel girone eliminatorio. Argentina agli ottavi di finale, Serbia ai quarti , Turchia in semifinale, USA in finale.

Leggi anche:  Sir Safety Conad Perugia, si apre la settimana della Coppa Italia

Dalle parole dei protagonisti traspare tutta la gioia per questo esaltante risultato: Marco Mencarelli: “Siamo davvero entusiasti del risultato raggiunto. Le giocatrici hanno fatto un sacco di sacrifici e io voglio ringraziare il pubblico peruviano per il loro supporto durante l’incontro. Da domani la squadra diventerà juniores e so che continueranno a giocare a volley nel miglior modo possibile”.

Paola Egonu: “Sono così emozionata. Non sono riuscita a dormire e vincere è un’esperienza che non dimenticherai mai. Il premio come miglior giocatrice è una grande responsabilità per me perché so che dovrò lavorare ancora molto: voglio raggiungere traguardi ancora più ambiziosi e importanti di quello conquistato oggi. Ora torno a casa per riposare e per iniziare un nuovo stage con le juniores: probabilmente andrò anche al Mondiale U20”. Vittoria Piani: “Tutte abbiamo dato il massimo nel corso del torneo. Tutte stiamo piangendo: sono lacrime di gioia perché abbiamo realizzato un sogno”. Alessia Orro: “È stata veramente una grande vittoria, diventare campionesse del Mondo è un’emozione indescrivibile. Quando è cascata l’ultima palla è stato come il realizzarsi di un sogno inseguito a lungo. In un attimo mi sono venuti in mente moltissimi ricordi e poi è stata un’esplosione di gioia. Adesso abbiamo da festeggiare un bel po’”. Anche Carlo Magri, presidente federale si è voluto congratulare per l’impresa azzurra: “Una felicità indescrivibile. Questa medaglia d’oro resterà scritta nella storia della pallavolo italiana, soprattutto per il modo in cui è arrivata. Abbiamo disputato un torneo perfetto, che ci ha visto chiudere i giochi imbattuti”. Anche il premier Matteo Renzi ha parlato di questa vittoria e di queste 12 campionesse definendole Il futuro del movimento pallavolistico italiano.

A dir poco grandi le piccole azzurre che con la giusta costanza potranno dare molto. Nell’U23 femminile invece le atlete di mister Cristofani hanno ceduto contro il Brasile e hanno visto sfumare la possibilità di entrare nella top four del Mondiale di Ankara.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, risultati 11.a di ritorno e classifica: si infiamma la lotta salvezza

In Argentina, invece, in occasione dei mondiali U19 maschili, i cadetti azzurri non stanno sfigurando. 3 vittorie consecutive per l’Italia di Barbiero: archiviate Cuba, Messico e, ieri l’Egitto. Ad attendere gli azzurrini la Cina domani alle 16, ora italiana. In ogni caso i ragazzi sono già qualificati per gli ottavi di finale.

  •   
  •  
  •  
  •