World Cup 2015 – L’Italia a un passo da Rio

Pubblicato il autore: Arianna Salpietro Segui

epa04943150 Ivan Zaytsev (R) of Italy spikes the ball against Pablo Crer (2-L) and Martin Ramos (2-R) of Argentina during the third round match between Italy and Argentina at the FIVB Volleyball Men's World Cup in Tokyo, Japan, 22 September 2015. EPA/KIYOSHI OTA

Con fatica l’Italia si porta a un passo da Rio 2016, nonostante la grande prestazione contro la Russia e un avversario ostico come l’Argentina, gli uomini di Blengini  non hanno permesso a Mister Valesco di intralciare il proprio cammino.

Nel momento spannung arriva l’ace di Sottile su Zornetta che svolta il finale di quinto set, e il successivo block di Buti per chiudere la partita. Dopo dieci gare, l’ultima giocata neanche 24h prima, la partita si conclude dopo 2 ore e 20’ di gioco a 3-2 (22-25 25-20 25-21 20-25 16-14).

La coppia Juantorena-Zaystev tiene bene per cinque set, nel primo pranziale manca un po’ di continuità nella squadra azzurra, che ingrana solo sul 9-9 con gli argentini attenti nel difendere il proprio campo. Conte arriva al time out tecnico 10-12, Argentina che si allunga sul 12-16 tra gli errori azzurri. Poglajen supera lateralmente il muro a tre (16-20). Velasco fa doppio cambio con Ramos per De Cecco in prima linea e Uriarte per Poglajen in seconda. L’Italia riprende fiato con Piano che mura Conte ed è 22-23 con ace di Lanza ma sono i biancocelesti a chiudere il set 22-25.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, finalmente una bella notizia per Trento

Il secondo set inizia con piede giusto con il muro di Buti che segna il vantaggio 4-1. L’Italia entra in partita con Colaci e Zaystev  che svolgono bene il loro compito (8-3). Sempre in vantaggio in questo parziale, che gli azzurri riesco a ben gestire mentre Velasco chiede ai suoi di tornare a difendere. Con l’ace del 24-19 di Zaystev su Conte prima e con Juantorena poi, si chiude il parziale per 25-20.

Nel terzo set l’Argentina risentita si approfitta della distrazione azzurra (1-3) ma sulle ali dell’entusiasmo l’Italia riprende quota e porta a casa anche il terzo set giocato sull’asse Juantorena-Lanza-Zaytsev con l’Argentina che soffre la rimonta ma nel quarto parziale l’Italia gioca davvero male e gli avversari scappano via col punto numero due (20-25) per arrivare al tie break dove succede di tutto.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, finalmente una bella notizia per Trento

Ricco di emozioni il quinto set è iniziato con tre ace al servizio di uno scatenato Osmany Juantorena (Mvp della gara con 26 punti coadiuvato dal solito “Zar” Zaytsev con 25 punti e due ace) e Conte che replica in attacco (3-2). Sull’otto pari Ramos fa mani out: 8-9. Lanza fatica in ricezione ma Zaystev riporta la squadra in vantaggio su 11-10 e nonostante gli uomini del maestro Julio Valesco non si arrendendono sino ai primi match point con Solé che sigla il 13-14 e nel testa a testa finale viene annullato il match point agli avversari. Le battute del sorpasso arrivano dalla panchina, merito del palleggiatore Daniele Sottile in missione punitiva sulla linea dei nove metri, inviato dal ct Blengini che alla prima occasione mette in tasca la nona vittoria tutta italiana.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, finalmente una bella notizia per Trento

Per la qualificazione bisogna solo aspettare domani mattina, alle 3.30 gli azzurri se la vedranno con i campioni del Mondo della Polonia. Non è facile la situazione dell’Italia ad una giornata dalla fine della World Cup quando tre squadre (Polonia, Usa e Italia) sono ancora in corsa per i 2 pass per Rio.

Dopo aver conquistato questi due punti con l’Argentina, per l’Italia è necessario il decimo successo nell’ultimo turno contro la Polonia per prenotare l’aereo di Rio.

 

  •   
  •  
  •  
  •