Volley, finisce 3-1 la sfida Slovenia-Italia

Pubblicato il autore: Arianna Salpietro Segui

Italia BlenginiL’Italia adesso gioca per il bronzo dopo una semifinale emozionante con la Slovenia che arriva per la prima volta in finale, finisce 3-1 (25-13, 23-25, 25-20, 25-20) la semifinale con gli azzurri sfiancati dalla vittoria contro la Russia.

Dodicesima semifinale per l’Italia nelle ultime quattordici edizioni della rassegna continentale, in precedenza il sestetto tricolore era entrato in altre due occasioni tra le prime quattro: vincendo il bronzo nel 1948 e finendo quarta nel 1983 .

È appena terminata la sfida a Sofia con in campo Giannelli-Zaytsev; Lanza-Juantorena; Buti-Piano; Colaci (L). Nessuna novità nemmeno nella Slovenia: Vincic-Gasparini; Urnaut-Cebulj; Pajenk-Kozamernik; Kovacic (L).

Nel primo set l’Italia di Blengini sembra disattenta con gli errori iniziali di Buti e Lanza mentre Tine Urnaut non ha paura e comanda il gioco. Sul 6-2 Mr Blengini ferma il gioco e richiama i suoi ragazzi ma la Slovenia vola a +5 con Urnaut che mette giù l’8-3. L’Italia combatte e con Juantorena arriviamo a -2 (10-8).  Dopo il secondo time out azzurro, Giannelli sbaglia in battuta e regala il punto numero 14 alla squadra avversaria , stesso regalo Lanza questa volta doppio errore in attacco (16-10). Non è iniziato bene questo primo parziale nonostante l’ace di Buti (17-12) l’Italia resta sotto finendo inevitabilmente con la vittoria slovena  (25-13) dopo ben 3 muri  prima su Antonov, poi due su Vettori.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, aggiornamento importante sulle condizioni di Miriam Sylla

Il secondo set lascia sperare con un’Italia più decisa, quella di questi Europei 2015, mentre torna in campo il sestetto iniziale. La Slovenia vuole scappare già sul 4-1 ma dopo il time out tecnico gli azzurri riprendono il passo e vi raggiunge la parità (10-10). L’Italia va avanti conquistando il vantaggio e non solo quello, ace di Giannelli, errore Juantorena (non in forma smagliante) ma Lanza non sbaglia e si arriva a +2 (21-23). Il parziale è tutto azzurro con una buona difesa di Zaytsev e al secondo set point l’Italia si porta a casa il pareggio (23-25).

Il terzo set la Sloveni fa tesoro dei propri errori del parziale precedente e si porta subito aventi con  Gasparini, Urnaut e Cebulj che condannano gli azzurri. Con Buti e Juantorena si arriva all’8 pari che rimettono in partita la squadra guidata da Blengini e grazie agli arbriti che non vedono il tocco in ricezione di Lanza sul servizio di Gasparini (11-11). A Tine Urnaut non va giù questa storia e riporta la sua squadra in vantaggio (15-13) e con l’aiuto di Juantorena e l’ace di Gasparini su Lanza, la Slovenia si porta a +4 (20-16). L’Italia deve reagire ma la squadra avversaria vola e si prende questo parziale, nonostante l’ace di Lanza che segna il punto numero 20, finisce 25-20 col muro di Urnaut e Kozamernik su Zaytsev.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, Perugia in campo per lasciare l'ultimo posto

Anche nel quarto e ultimo set l’Italia parte in svantaggio con l’ace di Gasparini su Zaytsev (3-1). Gli azzurri recuperano e con l’out di Vincic superano gli avversari (Juantorena mette il 5-7) ma l’illusione dura poco, gli azzurri sono stanchi,  la Slovenia pareggia con Urnaut e Kozamernik (7-7).Ll’Italia sbaglia e gli avversari tornano in vantaggio al time out tecnico (14-12) e nonostante i consigli di Blengini Cebulj piazza un muro pesantissimo su Zaytsev (18-15), sostituito poi da Vettori e l’allenatore azzuro mette in vampo Antonov al servizio per Buti ma è l’ace di piano a recuperare terreno (22-20) ma è troppo tardi per gli azzurri sul muro di Giannelli è 24-20, sono 4 i match point da recuperare, è out di Juantorena e la Slovenia di Giani vince il match di nuovo a 25-20 conquistando per la prima volta il posto in finale.

  •   
  •  
  •  
  •