A2, da Cantù Castellana dà segnali di crescita

Pubblicato il autore: Livio Addabbo

cantù castellana
Un punto e segnali di crescita per la Materdominivolley.it: a Cantù Castellana Grotte perde 3-2. I pugliesi rinviano ancora l’appuntamento con la prima vittoria in campionato ma mettono in campo una bella reazione caratteriale e tecnica.
Cantù non perde in casa da oltre un anno dal 26 ottobre 2014, ma da Cantù Castellana torna con la consapevolezza di poter gestire il vantaggio (come accaduto nel secondo set) e di poter anche rimontare da un pesante passivo (come accaduto nel quarto set).  Da sottolineare al prova di Tartaglione, top scorer della partita con 26 punti a referto.

«Un buon punto su un campo oggettivamente difficile – ha fatto sapere a fine partita il presidente Michele Miccolis – Al PalaParini non è mai facile giocare né fare risultato. Noi abbiamo dimostrato di poter lottare, ad eccezione del quinto set in cui siamo evidentemente calati. Così come anticipato alla vigilia per noi questa è stata una importante tappa nel percorso di crescita. Non siamo riusciti a trovare i primi tre punti, né la prima vittoria, ma i miglioramenti ci sono stati».

«Abbiamo giocato con alti e bassi in una gara altalenante – ha commentato il direttore sportivo Vito Primavera – Sapevamo di trovare un avversario non facile che in casa diventa squadra compatta e tostissima. Passi in avanti si sono visti, soprattutto dal punto di vista caratteriale. Questa volta la rimonta l’abbiamo fatta e non subita. Non ci sono squadre facili in questo campionato, dobbiamo abituarci a battaglie e sicuramente dobbiamo crescere ancora».

CASSA RURALE CANTÙ – MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE 3-2

Cantù: Monguzzi 10, Butti (L), Groppi, Riva, Cominetti, Tiozzo 14, Gerosa 3, Preti 25, Krolis 20, Gaggini, Robbiati 10. ne Molteni, Rudi, Mazza.
All. Della Rosa.

Castellana Grotte: Bulfon, Latorre, Nero (L), Scopelliti 7, Primavera, Tartaglione 26, Tamburo 15, Pedron, Bonetti 14, Giosa 5. ne Deserio.
All. Fanizza.

Arbitri: Pozzi, Giardini.

  •   
  •  
  •  
  •