Guai grossi per Ngapeth: “Ho investito tre persone. Sono sconvolto”

Pubblicato il autore: Gianluca Cedolin

Ngapeth“Voglio una vita, spericolata”. La canzone di Vasco Rossi descrive perfettamente la carriera e il mondo di Earvin Ngapeth, genio e sregolatezza in campo e fuori.
Ma questa volta purtroppo non stiamo parlando dello schiacciatore di Modena, fresco campione d’Europa con la Francia, per una delle sue invenzioni sul campo da pallavolo, ma per una drammatica vicenda che lo sta vedendo protagonista fuori dal campo. Nella notte tra il 5 e il 6 novembre un auto pirata ha preso in pieno un’altro veicolo, facendolo finire nel fosso, all’uscita della discoteca Frozen di Modena. I tre giovani a bordo dell’altra auto sono rimasti feriti, uno dei quali grave (ricoverato all’ospedale di Baggiovara).
A qualche giorno dall’incidente, ecco la rivelazione che sconvolge tutta Modena e tutto il mondo della pallavolo: c’era Earvin Ngapeth alla guida dell’auto. Schiacciato dai sensi di colpa, il giocatore classe ’91 ha ammesso le sue colpe in un comunicato stampa:

“Sono sconvolto e dispiaciuto per quanto ho causato a Riccardo Ferrarini, Enrico Lusetti e Davide Maccagnani nell’incidente avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì scorso in Via Argiolas. Ho deciso di presentarmi davanti alla procura di Modena per assumermi le mie responsabilità. Chiedo scusa alle persone coinvolte, ai loro famigliari, alla Società, ai miei compagni di squadra, agli sponsor e ai tifosi per il mio comportamento. Spero che possano riprendersi presto, mi dispiace moltissimo”.

Dopo l’episodio del capotreno picchiato alla stazione di Parigi, un’altra bruttissima avventura per Ngapeth, sui cui ora la Procura ha aperto un fascicolo per l’incidente e soprattutto per l’omesso soccorso.
La Dhl Modena, dal canto suo, ha deciso di tutelarsi sospendendo momentaneamente il giocatore, affidando le ragioni a questo comunicato:

“Alla luce dei fatti che hanno coinvolto Earvin NGapeth, atleta appartenente alla Società sportiva Modena Volley, la società stessa vuole in primo luogo esprimere il proprio sostegno alle persone coinvolte nell’incidente e alle loro famiglie – si legge nella nota di Modena Volley – Il fatto poi che Earvin NGapeth si sia assunto le proprie responsabilità è un elemento che riteniamo fondamentale per la nostra Società, perché è coerente con i valori che sono alla base della squadra e dello sport. Proprio per questo Modena Volley ha ritenuto giusto sospendere temporaneamente il giocatore dall’attività agonistica“.

Non resta che augurarsi intanto che il ragazzo che ha avuto la peggio nell’impatto si riprenda.

  •   
  •  
  •  
  •