Molfetta si coccola Joao Meravigliao

Pubblicato il autore: Livio Addabbo

molfetta Joao rafaelMolfetta è attesa domenica dalla sfida di SuperLega  in trasferta contro Monza, reduce dalla vittoria infrasettimanale contro Milano. Al match lombardo l’Exprivia arriva con un Joao Rafael in forma strepitosa. Lo schiacciatore brasiliano, primo acquisto della nuova annata, si sta dimostrando una certezza per la completezza dei colpi: in attacco, ma anche in ricezione, in battuta e talvolta pure a muro.

«Appena arrivato – dice Joao Rafael – già mi sono reso conto del valore della squadra. Poi ci sono state le amichevoli, che hanno confermato quelle buone sensazioni. Siamo migliorati di volta in volta, e credo si possa migliorare ancora di più».

E lo schiacciatore ha fatto subito breccia nel cuore di tifosi per i quali è diventato Joao Meravigliao. «Questo tifo è incredibile – prosegue lo schiacciatore – sia dentro che fuori dal PalaPoli. Sto ricevendo tanto affetto, mi incitano continuamente. Difficile chiedere di meglio».

Leggi anche:  Superlega, Perugia non si ferma più e Taranto porta a casa la sfida salvezza: i risultati e la classifica

Joao Rafael è già di casa a Molfetta, insomma. «Ciò che più mi piace di Molfetta? – gli si chiede – Adoro patate, riso e cozze». E ride di gusto, magari pensando al selfie scattato negli spogliatoi, nel post partita di Molfetta-Ravenna, proprio davanti a una ricca porzione della tipicità tutta made in Puglia. Poi, al secondo 3-0, sono arrivati i pasticciotti leccesi. E chissà quale sarà la prossima sorpresa in serbo.

Ma il piatto preferito di Joao resta la vittoria, perciò la testa è al match di Monza. «Sarà una partita difficile – conclude – contro una squadra in fiducia anche per via dell’ultima vittoria. E si sa che quando si vince, aumentano le possibilità di far bene anche nella partita successiva. Noi dobbiamo pensare a lavorare, a impegnarci, a mettere in pratica ciò che facciamo ogni giorno in allenamento. Anche perché il livello di questa Superlega è molto alto, ma troveremo ancora tante squadre forti. Anche più forti». Parola di Joao Meravigliao.

  •   
  •  
  •  
  •