Pallavolo, Serie A1 Femminile. Bisonte Firenze-Obiettivo Risarcimento Vicenza 2-3

Pubblicato il autore: Baldassarre Daidone

Bisonte-Vicenza 4
Ieri si è disputata la partita di pallavolo tra la Bisonte Firenze-Obiettivo Risarcimento Vicenza , il match si è conclusa con la vittoria della squadra veneta per 3-2. Il Vicenza aveva incominciato male la partita portandosi sotto per 2-1, poi risorge negli ultimi due set e si porta a casa l’intera posta in palio. La Bisonte Firenze gioca bene la partita ha cuore e grinta, ma questo non basta, ci sono stati miglioramenti nella battuta e nell’utilizzo delle centrali, ma ancora bisogna migliorare alcuni alti e bassi.
Dopo il consueto minuto di silenzio osservato in memoria delle vittime della strage di Parigi, è iniziato il match.

La partenza è equilibrata, con Firenze che tiene il Vicenza fino al 7-7, poi Vanzurova si presenta dai nove metri e riesce a mettere a segno due ace di fila firmando l’allungo (10-7),  un muro di Negrini e una pipe del martello ceko aumentano il gap (15-9), e quando Ninkovic trova due punti di fila e Negrini ci aggiunge l’ace, il vantaggio diventa rassicurante (18-10). Rossetto prova Partenio per Busa, c’è anche spazio per un ace di Martinuzzo, nel finale un errore dell’Obiettivo regalare il primo set a Il Bisonte per 25-16.

Nel secondo set il Vicenza ritorna in campo più prepositiva, e dopo i due muri di Popovic, Partenio firma altri due punti per lo 0-4 che obbliga Vannini al time out. Sul 5-10 l’allenatrice di Firenze tenta di invertire la rotta inserendo Mazzini per Van De Vyver in regia, il gap rimane invariato e sotto i colpi di Partenio e Cella, il Vicenza scappa ulteriormente (14-22), e alla fine un’invasione gigliata, decreta il risultato di parità (16-25).

Leggi anche:  Volley A1, colpo durissimo in casa Novara

Nella pausa Il Bisonte si rimette in sesto, parte bene con Ninkovic e Vanzurova portando il risultato sul (6-2): le ospiti  non mollano e ne approfittano con il muro: il risultato è sul 10-10. Fortuna che in battuta va Negrini, che riesce a piazzare due ace di fila e poi favorisce il muro di Ninkovic per la nuova fuga (15-11), il Vicenza non ci sta e non molla, approfittando anche di un paio di falli delle bisontine e si riavvicina nuovamente (18-17). Sul 20-19 entra Pietrelli per Vanzurova, Il Bisonte è bravo a portare a casa un punto lunghissimo con un mani out di Negrini (22-19): l’elastico però continua, l’ace di Cella e  Popovic rimettono il risultato  in parità (22-22). Dopo il time out Vannini, l’errore di Turlea dà il vantaggio alle ospiti, Partenio trova il doppio set point e Ninkovic riesce ad annullare il primo set point con un muro (23-24). Sul secondo è ancora Negrini a chiudere sul 24-24, poi Ninkovic in fast annulla il terzo set point (25-25) e Drpa sbaglia l’attacco, il punteggio è di (26-25): quindi il set point è di Firenze, ma Negrini sbaglia la battuta. E’ un finale incredibile, l’invasione della squadra vicentina regala il secondo set point a Il Bisonte, entra Martinuzzo in battuta ma Partenio riesce a firmare l’ennesima parità (27-27). Le bisontine però tirano fuori la rabbia e il cuore, dopo il punto di Vanzurova è un fallo ospite, la squadra toscana vince il terzo set (29-27).

Leggi anche:  Champions League volley femminile, stasera Novara-Potsdam: dove vederla

Dopo un set vinto così, la partita sembrerebbe in mano a Il Bisonte, ma il Vicenza riorganizza le idee e riesce subito a a mettere il risultato sul 4-9 e costringe Vannini a cambiare Vanzurova con Perinelli. Incredibile come adesso alle ospiti riesca tutto,  Popovic riesce ad allungare sul 5-12: Firenze ci prova vuole agguantare l’Obiettivo Risarcimento Vicenza, ma non riesce ad avvicinarsi e alla fine Cella riesce a chiudere il quarto set sul punteggio di 19-25.

Anche al tie break le ospiti cercano subito la fuga col muro e l’attacco di una Partenio scatenata (2-5): Vannini chiama time out, ma  ancora Partenio ad allungare con altri due attacchi (2-7). Entra Martinuzzo al servizio e grazie a due muri riavvicinano Il Bisonte (6-8), ma  gli arbitri chiamano due invasioni consecutive alle padrone di casa e Vicenza ne approfitta, andando sul (6-11): il gap a questo punto è troppo ampio, l’Obiettivo continua a giocare bene e il primo tempo di Popovic regala la vittoria alla squadra ospite.

Leggi anche:  Champions League volley femminile, stasera Novara-Potsdam: dove vederla

Il tecnico del Bisonte Firenze ha analizzato la sconfitta contro l’Obiettivo Risarcimento Vicenza. Ecco le sue parole:
“La sconfitta brucia tantissimo, dobbiamo migliorare su alcune cose e dobbiamo sistemare l’inesperienza e anche il feeling. A sprazzi siamo riusciti a far vedere qualcosa, ma non siamo costanti. Il nostro obiettivo è diventare una squadra temibile che attacca e difende su tutti i palloni”.

Tabellino

 

IL BISONTE FIRENZE: Perinelli, Ninkovic 14, Mazzini, Turlea 14, Negrini 14, Van De Vyver 1, Parrocchiale (L), Vanzurova 15, Pietrelli, Calloni 10, Martinuzzo 1. All. Vannini.

OBIETTIVO RISARCIMENTO VICENZA: Goliat ne, Kitipova Petrova 3, Lanzini (L1), Cella 12, Popovic 17, Drpa 25, Partenio 16, Busa 1, Pastorello ne, Wilson, Crisanti 11, Prandi, Bisconti (L2) ne. All. Rossetto.

Arbitri: Zavater – Carcione.

Parziali: 25-16, 16-25, 29-27, 19-25, 8-15.

Note – durata set: 24’, 24’, 35’, 26’, 15’; muri punto: Il Bisonte 8, Vicenza 15; ace: Il Bisonte 6, Vicenza 2; spettatori totali: 1100.

 

  •   
  •  
  •  
  •