Presidente Modena su Ngapeth: può rientrare in gruppo

Pubblicato il autore: Debora Stefani Segui

Playoff della SuperLega UnipolSai
PRESIDENTE MODENA SU NGAPETH – Earvin Ngapeth in conclusione sarà sospeso per undici giorni; il che vuol dire che potremmo presto rivedere in campo il giocatore. Questa è infatti la “sentenza” della società del Modena Volley, uscita dalla bocca del presidente Catia Pedrini, in un’intervista di oggi al “il Resto del Carlino”.
Il campione di pallavolo aveva investito tre ragazzi fuori da una discoteca tra il 5 e 6 novembre scorso. Il giocatore si godeva una serata di divertimento dopo la partita in trasferta di Champions League in Slovenia, a Lubiana. Ngapeth si è preso subito le sue responsabilità, presentandosi in procura a Modena. La società comunque lo ha dovuto sospendere dall’attività.

PRESIDENTE MODENA SU NGAPETH – Oggi la svolta. Il presidente Pedrini ha affermato che dalla prossima sfida il giocatore sarà a disposizione dell’allenatore Angelo Lorenzetti; quindi già domani contro il Danzica in Champions League Ngapeth potrebbe scendere in campo.
Lei ha tenuto a sottolineare che il comportamento di Ngapeth dopo l’accaduto è stato ineccepibile. Infatti, ha voluto subito incontrare due dei tre ragazzi e ovviamente si è fin da subito dichiarato molto dispiaciuto e sconvolto; le sue scuse sono andate alle famiglie, ai ragazzi, al Modena Volley, ai tifosi, allo sponsor, a tutti coloro che inevitabilmente sono stati coinvolti dall’incidente.
Questa è una delle ragioni che hanno spinto la società a porre fine alla sospensione: l’atteggiamento del campione.
Inoltre quello che per tutta l’intervista Catia Pedrini ha insistito nel far presente è l’etica che sta dietro la decisione presa in queste ore, di comune accordo tra società, tifosi, staff tecnico e sponsor. I valori sono molto importanti per il Modena Volley, ha fatto sapere il presidente, ed è uno degli elementi con cui, oltre che con le vittorie in campo, la società vuole continuare il suo percorso di crescita. Questo episodio, che ha scosso tutti, non ha fatto che portare alla mente il fatto che anche dietro uno dei più grandi giocatori del mondo di Volley, c’è sempre un uomo, con le mille difficoltà in cui può incappare.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, finalmente una bella notizia per Trento

PRESIDENTE MODENA SU NGAPETH – Lo scopo di questa decisione è riunire la squadra e tutti coloro che impiegano il loro tempo per farla crescere e portarla al successo, secondo il presidente del Modena Volley; fare sentire tutti parte di una famiglia. Catia Pedrini è sicura che ora la società è più coesa e che questa sia stata un’esperienza certamente drammatica, ma da cui il Modena Volley uscirà rafforzato. I risultati si vedranno, spera, nel corso della stagione. Chiede quindi ai tifosi di non abbandonarla, ma di continuare il supporto e di stare a fianco dei giocatori.

Il dubbio se la punizione non dovesse essere più severa rimane. Certo, di fronte abbiamo uno dei più forti giocatori di Volley del mondo, ma come afferma il presidente Catia Pedrini, prima di tutto stiamo parlando di un uomo come gli altri che ha investito tre ragazzi. A chi di dovere la sentenza, a tutti gli appassionati, l’appuntamento con il grande volley è assicurato con il ritorno in campo del super campione del Modena Volley.

  •   
  •  
  •  
  •