Volley, ragazzo down cacciato dalla panchina. Intervento di Malagò

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado

malago_parmaSembra essersi conclusa  nel migliore dei modi la vicenda che aveva lasciato il mondo della pallavolo e tutti gli appassionati di sport con l’amaro in bocca. Il giovane  Matteo Bartolini, affetto da sindrome di Down, allontanato dagli arbitri dalla panchina della squadra allenata dal padre è stato invitato direttamente dal presidente del CONI, Giovanni Malagò, ad uno dei prossimi meeting della nazionale italiana di volley.
La storia. Sabato scorso, come sempre accaduto, il giovane Matteo, grande appassionato di pallavolo, era seduto sulla panchina della Pallavolo Orbetello, formazione allenata dal padre. La gara alla quale avrebbe dovuto assistere da vicino Matteo era quella contro la Maxitalia di Sesto Fiorentino. Il ragazzo, però, è stato invitato dall’arbitro a lasciare la panchina a causa di un interpretazione fin troppo rigida del regolamento.  Per ragioni legate al numero di persone autorizzate a stare in panchina, come spiegato successivamente anche dalla FIPAV, l’arbitro non poteva consentire a Matteo di seguire la gara da bordo campo. A nulla sono valse, se non a beccare una giornata di squalifica, le forti proteste del padre del ragazzo.  Oggi il caso è stato definitivamente smontato con la Federvolley che ha smentito che si sia trattato di un caso di discriminazione. E ciliegina sulla torta per Matteo è arrivata la possibilità di vedere da vicino i campioni della nazionale italiana di pallavolo.

Leggi anche:  Mondiali di volley femminile, Italia-Kenya: dove vederla in TV e streaming
  •   
  •  
  •  
  •