Champions League volley: Novara, che batosta contro Sopot. Qualificazione a rischio

Pubblicato il autore: Antonio Paradiso

Serie A2

Doveva essere la partita da vincere a tutti i costi e invece Novara perde con un secco 3-1 davanti al proprio pubblico contro le polacche del Sopot. A questo punto per le ragazze di Luciano Pedullà la qualificazione è un miraggio, dato che devono vincere le restanti due partite e sperare che Sopot perda senza fare punti le ultime due partite contro Vafikbank Istanbul e Calcit Kamnik, cosa che oggettivamente ci sembra difficile. Alle piemontesi quindi non resta che vincere le ultime due partite del girone contro Calcit Kamnik e Vafibank Istanbul e sperare quantomeno di accedere alla seconda fase come migliore terza.

Ritornando alla gara di ieri bisogna dire che Novara era partito bene tanto da conquistare il primo set con il punteggio di 25-22, grazie soprattutto ai punti della Giuggi eal muro decisivo della Fabbris, quest’ultima a fine gara grazie ai suoi 18 punti risulterà la migliore dei suoi e dell’interno match insieme all’olandese di Sopot, Grothues.

Leggi anche:  Mondiale volley femminile, l'Italia di Mazzanti rimonta e batte il Belgio per 3 a 1: il racconto del match

Nel secondo set però le polacche si svegliano, mentre Novara piano piano inizia a scomparire dal campo. Infatti le ospiti sfruttando a pieno la battuta e la giornata no di Novara in ricezione riescono a portarsi sul 16-13 al secondo time out tecnico. Al rientro in campo Sopot infila il break decisivo e chiude il secondo set sul 25-21 grazie all’ultimo e decisivo punto della Grotheus. 

Nel terzo set parte bene Novara, tanto che grazie ad un ace di Chirichella si porta sul 6-4, facendo segnare il primo break del terzo parziale. Le piemontesi mantengono il break, arrivando al primo time out tecnico sul punteggio di 8-6. Tuttavia, l’euforia dura poco e dopo un errore in attacco di Fabbris il punteggio si riequlibra sul 9 pari. La gara vive una fase di equilibrio, fino a quando le polacche si portano avanti per la prima volta nel set sul punteggio di 12-11, arrivando in seguito al secondo time out tecnico sul punteggio di 16-12. Novara non molla e con un grande cuore riesce a portarsi in vantaggio sul 19-18, sfruttando un’invasione della polacca Tokarska. Tuttavia, Sopot non si dà per vinta e proprio nelle ultime e decisive fasi della gara rifila a Novara il break decisivo, tanto da chiudere il terzo set sul 25-22 grazie al punto finale della Podolec.

Leggi anche:  Mondiale volley femminile, l'Italia di Mazzanti rimonta e batte il Belgio per 3 a 1: il racconto del match

Il quarto set è di fatto un reamake del terzo. Come in precedenza parte bene Novara, che nelle prime battute della frazione rifila subito un 4-1. In seguito rientra prepotentemente Sopot, tanto che, dopo aver recuperato i tre punti alle azzurre, rifila il sorpasso, arrivando al secondo time out tecnico in vantaggio di 16-14. Al rientro in campo però Novara mostra ancora gli artigli e riesce grazie ai punti della Giuggi a raggiungere nuovamente le polacche sul punteggio di 16 pari. Le due squadre giocano punto a punto almeno fino al 20-20. Purtroppo proprio nelle fasi finali Novara si scioglie come neve al sole, favorendo il break delle polacche che si portano sul 24-21, chiudendo la contesa sul 25-21 grazie all’ultimo e decisivo punto della solita Grotheus.

Leggi anche:  Mondiale volley femminile, l'Italia di Mazzanti rimonta e batte il Belgio per 3 a 1: il racconto del match

CHAMPIONS LEAGUE VOLLEY: TABELLINO DELLA GARA

Igor Volley Novara- Sopot 1-3 (25-22, 21-25, 22-25, 21-25)
Igor Volley: Rousseaux 12, Bruno (L) ne, Wawrzyniak 2, Malesevic, Guiggi 12, Cruz 2, Bonifacio ne, Chirichella 10, Sansonna (L), Signorile, Bosetti 9, Mabilo ne, Bosio, Fabris 18. All. Pedullà.
Sopot: Tokarska 12, Grothues 18, Djerisilo 1, Podolec 9, Damaske 1, Efimienko 5, Kaczmar 5, Lukasik, Durajczyk (L), Kulig ne, Kaczorowska 6, Zaroslinska 3. All. Micelli.

  •   
  •  
  •  
  •