Contro la capolista Sora Alessano fa l’impresa

Pubblicato il autore: Livio Addabbo Segui

sora alessano torsello
Nel momento più difficile della stagione, nella sfida alla capolista Sora Alessano tira fuori gli artigli e vince per 3-1. Con Mirko Torsello nuovo capitano, i biancoazzurri hanno disputato una partita tutto cuore, rimanendo sempre concentrati e dando filo da torcere al più quotato avversario. Da sottolineare i 16 punti di Jeliazkov, in dubbio fino all’immediata vigilia della gara per il riacutizzarsi del problema all’inguine; grande prestazione di Cernic, trascinatore della squadra nei momenti più delicati; al centro buona prestazione di Piscopo e Torsello, più puntali a muro rispetto ad altre prestazioni.

L’Aurispa Alessano si schiera con Piazza in regia, Jeliazkov contromano, Bolla e Cernic laterali, Piscopo e Torsello centrali, Bisanti e Russo che si alternano come libero. Sora scende sul parquet con l’esperto Fabroni al palleggio opposto a Hoogendoorn, Rosso e Mariano in posto quattro, Sperandio e Festi (sostituito in battuta dall’altro under Marrazzo) al centro, Santucci libero.

Prima frazione e l’Alessano si porta sul 2-0 con Piscopo che mette in difficoltà la ricezione ospite, ma un errore dei biancoazzurri e una pipe di Mariano riportano la situazione in parità. Ci pensa Cernic con un ace e una pipe a portare l’Aurispa sul 16-13, ma gli ospiti non demordono e riagguantano prima la parità (16-16), poi Rosso regala il primo vantaggio alla sua squadra (17-16). I biancoazzurri ribaltano la situazione con Jeliazkov e Bolla (19-18) e ritentano la fuga con un muro di Bolla su Hoogendoorn che fissa il punteggio sul 20-18. Piscopo che mette il sigillo sul set con un rigore che fissa il punteggio sul 25-22.

Inizio secondo set in equilibrio con le squadre che si inseguono. E’ ancora Cernic a rompere l’equilibrio grazie a due attacchi vincenti per il 5-3 Aurispa; un attacco out di Rosso ed è 6-3. Fabroni e soci ritornano in parità grazie al servizio di Sperandio che mette in difficoltà la ricezione biancoazzurra, anzi al tempo tecnico è 12-10 per i viola di mister Soli. Un errore di Bolla per il 10-13, poi un errore in battuta ospite e un muro del laterale ligure su Hoogendoorn per il 12-13. Nuova parità (14-14) con un primo tempo di Torsello e un rigore di Cernic. Sora è viva e arriva al 20 pari con un ace sporco di Mariano. Due i set point all’Aurispa; il primo è annullato da un muro di Sperandio su Jeliazkov, ma sul successivo servizo Rosso sbaglia e i biancoazzurri si aggiudicano anche il secondo set con il punteggio di 25-23 in 32 minuti.

Terzo parziale con Sora che parte forte portandosi avanti 7-1, con la battuta dell’under Marrazzo che miete vittime nella ricezione alessanese, non permettendo ai biancoazzurri una efficace ricostruzione del gioco. Alessano tenta il disperato tentativo di rimonta, ma gli ospiti controllano la frazione arrivando al tempo tecnico in vantaggio 12-5. Un muro di Jeliazkov, un attacco di Cernic e un altro muro, questa volta di Piscopo, accorciano la distanza tra le squadre (14-18), poi dopo un lungolinea vincente di Hoogendoorn e due errori biancoazzurri per il 21-14 Sora; l’Aurispa non si perde d’animo come in altre occasioni e rimonta fino al 19-22, poi Fabroni al servizio sigla l’ace che vale il 25-20 che riapre la gara.

Quarto set con Sora che si porta sul +2 (4-2) con due muri consecutivi; poi Hoogendoorn sigla il 5-2 ospite. Tre errori consecutivi degli ospiti per il 5 pari, con Torsello efficace in battuta. La partita vive la sua fase cruciale con nessuna delle due squadre che riesce a prevalere sull’altra; è un ace di Jeliazkov a siglare il 20-18 per l’Aurispa. Sul 23-12 Aurispa, Piscopo mura Sperandio dando la possibilità ai padroni di casa di sfruttare tre occasioni per vincere l’incontro; un’invasione a rete del muro ospite su attacco di Cernic sancisce il punto del 25-21 che dà il via alla festa della squadra e dei tanti appassionati presenti al Palasport di Tricase.

A fine partita le parole del neo capitano Mirko Torsello: «Sono contento di rappresentare come capitano la squadra del mio paese. Sicuramente è un ruolo molto importante e spero di ricoprirlo al meglio; come inizio non poteva essere migliore; oggi abbiamo dimostrato di saper fare squadra perché non era facile vincere contro la capolista. Spero che questo successo ci dia la spinta per continuare a fare bene e lasciarci alle spalle il momento difficile».

Contentissimo per l’impresa compiuta dalla sua squadra mister Livio Bramato: «E’ un privilegio aver sconfitto la prima in classifica; loro sono una squadra molto forte, ma per noi era fondamentale vincere sia per la classifica, sia per il morale. Un ringraziamento particolare va al nostro fantastico pubblico che fin dall’inizio della stagione ci sostiene incessantemente, così come dimostrato in questa difficile partita».

Il tabellino:

Aurispa Alessano: Piazza 3, Jeliazkov 16, Cernic 12, Bolla 12, Piscopo 9, Torsello 10, Bisanti (L), Russo (L), Pellegrino, Marzo, Muccio n.e. 1° all. Bramato

Globo Banca Popolare del Frusinate Sora: Fabroni 3, Hoogendoorn 16, Rosso 10, Mariano 16, Sperandio 16, Festi 6, Santucci (L), Marrazzo 2, Bacca, Buzzelli, Lucarelli n.e., Giglioli n.e. 1° all. Soli

Arbitri: Rosario Vecchione della sezione di Salerno e Danilo De Sensi della sezione di Catanzaro

  •   
  •  
  •  
  •