Helene Rousseaux al Busto Arsizio

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

Colpo veramente grosso dello Yamamay Busto Arsizio che ha ingaggiato la schiacciatrice Helene Rousseaux. La ragazza orinaria di Jatte in Belgio, proviene dalla rivale Igor Gorgonzola, formazione della città piemontese di Novara, con la quale ha disputato 28 set mettendo a segno 62 punti.

Da lungo cercata finalmente la Yamamay completa la sua rosa con la telentuosissima Helene, classe 1991 e 188 cm di altezza. L’allenatore ha così finalmente completato il roster, volutamente lasciato a 11 atlete nell’attesa di un colpo di mercato all’altezza come è stato per l’appunto l’ingaggio della Rousseaux.

helene rousseauxHelene indosserà la maglia numero 1, che nella pallavolo è un po’ come il 10 nel calcio, e nonostante la giovane età porterà notevole esperienza alla squadra lombarda, poiché può contare in Italia 3 stagioni tra Modena e Novara, nonché esperienza internazionale con la sua nazionale, dove si è saputa mettere in grande mostra nel torneo di qualificazione olimpica disputato ad Ankara in Turchia.

Leggi anche:  Volley, 16° Memorial Arkadiusz Gołaś: secondo posto per la Sir Perugia

Prima di approdare a Modena Helene ha giocato in Svizzera nel Volero Zurigo dal 2009 al 2011 e in Polonia, dove ha vestito la maglia del Budowlani Lodz nel 2011/2012 e dell’MKS Muszynianka nel 2012/2013, a dimostrazione che per essere una classe 1991 di esperienza ne ha fatta, e anche molta, sapendo maturare lontano da casa e in luoghi in cui non conosceva neanche la lingua.

Il contratto che la lega  busto Arsizio è fino alla fine della stagione, terminata la quale le due parti potranno accordarsi per il proseguo dell’avventura che come tutti si auspicano, allenatore e presidente in primis, sarà lunga e piena di soddisfazione per ambo le parti nonché per la città e i tifosi che sognano grandi traguardi.

Queste le parole del presidente Giuseppe Pirola:

“Sono molto soddisfatto per questa operazione che porta a Busto Arsizio una giocatrice di qualità. È stata una scelta condivisa con il nostro staff tecnico: se non avessimo trovato un profilo adatto alle nostre esigenze avremmo mantenuto la rosa a 11 giocatrici, ma siamo sicuri che Helene potrà essere una valida arma in più del nostro roster. E’ un acquisto fatto in prospettiva futura, per questa stagione ma anche per la prossima: per questo avremo l’opzione per il rinnovo del contratto”.
helene rousseauxEloquenti quindi le parole della proprietà, che mira già a blindare la giovane belga per farla crescere nella società come punto di riferimento e pilastro della squadra, nonché come icona per eventuali campagne pubblicitarie e di sponsorizzazione, che come ben si sa non possono certamente essere trascurate negli sport minori, specialmente se questi sono a livello femminile, dove purtroppo girano molti meno soldi che negli ambienti maschili, nonostante le ragazze siano più diligenti dei ragazzi e prendono più seriamente di questi ultimi lo sport.
Questi sono probabilmente i retaggi di un ambiente maschilista che però dovrebbe saper guardare avanti e valorizzare le atlete, anche economicamente e non solo come immagine, per il loro valore e il loro spirito di abnegazione. Negli ultimi anni la pallavolo femminile ci ha donato molte soddisfazioni, gioie che meritano un riconoscimento professionale non solo onorifico, che auspichiamo i vertici del mondo dello sport capiscano.

  •   
  •  
  •  
  •