Coppa Cev: La Sir Perugia Piega il Duren e Conquista la Challenge Phase

Pubblicato il autore: Senio Calvetti Segui

Sir Perugia

La Sir Perugia supera, nei quarti di finale di CEV Cup, la SWD powervolleys Duren con un secco 3 a 1 e accede alla Challenge Phase dove incontrerà una delle quattro squadre declassate dalla Champions League. Oggi, in Lussemburgo, i sorteggi degli accoppiamenti. I parziali: 25-15, 25-14, 22-25, 25-17.

Dopo la vittoria ottenuta nella gara di andata, dove la Sir Perugia era riuscita ad imporsi per 3 a 1 in territorio tedesco, ai ragazzi di Kovac bastavano due set per conquistare la qualificazione alla Challenge Phase; ma la Sir di questa sera, nonostante l’assenza di Russel, si è dimostrata troppo più forte, troppo più in partita, troppo più determinata di un Duren presentatosi al Palaevangelisti nelle vesti della vittima sacrificale. Senza storia i primi due set, che si chiudono sul 25-15 e 25-14,  e che vedono gli umbri, , con Kaliberda e Froom in grande spolvero, in costante dominio del match.

Leggi anche:  VNL 2021, non bastano i 28 punti di Nwakalor, l'Italia pallavolo femminile ko contro l'Olanda al quinto

A qualificazione ottenuta Kovac manda in campo le seconde linee, considerando anche i molti impegni agonistici che attendono la Sir; gli umbri, complice anche un inevitabile calo di concentrazione e di tensione, commettono qualche errore di troppo e fanno fatica ad assestarsi e il terzo set se lo aggiudica, sul filo di lana, la Duren, 22-25. Nel quarto set i Block Devils ritrovano la quadratura e, grazie ai muri di Elia e all’ottima efficienza di Holt, chiudono la pratica con un inequivocabile 25-17. Vittoria assolutamente non marginale per la Sir Perugia; infatti, anche se la qualificazione per la Challenge Phase era già stata ampiamente ipotecata in Germania, tornare a vincere e, soprattutto, farlo con la determinazione di stasera era necessario, se non indispensabile, dopo la sconfitta di Trento per restituire fiducia e morale a tutto l’ambiente in vista della difficile gara di domenica, che andrà ancora una volta in scena al Palaevangelisti, contro la Cmc Romagna.

Leggi anche:  VNL 2021, non bastano i 28 punti di Nwakalor, l'Italia pallavolo femminile ko contro l'Olanda al quinto

TABELLINO
SIR SAFETY PERUGIA – SWD POWERVOLLEYS DUREN 3-1 (25-15, 25-14, 22-25, 25-17)

SIR SAFETY PERUGIA: Buti 1, Fromm 17, Holt 8, De Cecco 1, Kaliberda 3, Giovi, Dimitrov, Tzioumakas 9, Elia 6, Atanasijevic 9, Fanuli (L), Birarelli 7. All. Kovac.

SWD POWERVOLLEYS DUREN: Bann (L), Verhoeff 1, West 1, Barthel 2, Yu, Van Bemmelen 7, Prolingheuer 8, Pompe 10, Parkinson 3, Gevert 7, Marks 1. Non entrati Zachrich. All. Brams. ARBITRI: Mylonakis Alexandros – Fuentes Barrasa A.

Durata set: 25′, 23′, 27′, 23′

PERUGIA : Battute errate 17, Ace 6. DUREN : Battute errate 23, Ace 4.

Le altre qualificate:
Getta al vento la qualificazione l’Olympiacos Piraeus che, dopo aver perso sul terreno del Gazprom-Ugra Surgut, con promettentissimo 3 a 2, si fa travolgere dai russi, al termine di un match estremamente combattuto, sul proprio terreno con un netto 3 a 0, maturato in 86 minuti. Questi i parziali: 22-25, 22-24, 24-26.

Leggi anche:  VNL 2021, non bastano i 28 punti di Nwakalor, l'Italia pallavolo femminile ko contro l'Olanda al quinto

Tutto facile per i finlandesi del VaLePa Sastamala, vittoriosi nella gara di andata, in casa, per 3 a 1, e anche nella gara di ritorno, per  3 a 0, contro i rumeni del Volei Municipal Zalau. Questi i parziali: 23-25, 21-25, 22-25.

Impresa del Cai Teruel che, dopo aver perso per 3 a 1 in Francia nella gara di andata, contro il Cannes, si rende protagonista di una incredibile rimonta e, al termine di un match mozzafiato, riesce a conquistare la qualificazione alla Challenge Phase. Questi i parziali: 25-22, 25-23, 20-25, 25-19.

Adesso ad attendere la Sir Perugia e le altre tre qualificate ci sono la peggior seconda e le tre migliori terze dei gironi di Champions League: Dinamo Mosca, Berlino, Roeselare e Lugano. Questa mattina, in Lussemburgo, il sorteggio dei successivi accoppiamenti.

  •   
  •  
  •  
  •