Playoff Scudetto Superlega: i risultati dei quarti di finale

Pubblicato il autore: Manuela Passarella Segui

playoff

Quarti di Finale Gara 1: Due tie break e due risultati secchi nelle quanttro gare andate in scena ieri sera: Diatec Trentino e DHL Modena si impongono 3-0 su Exprivia Molfetta e Tonazzo Padova. Perugia recupera 2 set di svantaggio e batte laVerona al tie break. Alla Cucine Lube Banca Marche Civitanova serve il quinto set per avere la meglio su Ninfa Latina.

CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA – NINFA LATINA 3-2 23-25, 25-14, 24-26, 25-22, 15-13
CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA: Fei 5, Parodi, Juantorena 17, Stankovic 8, Priddy 1, Christenson 5, Cester 12, Grebennikov (L), Miljkovic 11, Cebulj 20, Podrascanin 5. Non entrati Vitelli, Kovar, Corvetta. All. Blengini. NINFA LATINA: Sottile 2, Sket 10, Pavlov 9, Romiti (L), Tailli 1, Hirsch 13, Yosifov 7, Rossi 7, Maruotti 17. Non entrati Krumins, Mattei, Ferenciac. All. Placì. ARBITRI: Pol, Puecher.

La Lube si aggiudica a fatica il primo atto dei quarti playoff scudetto UnipolSai. Latina fa tremare i primi della classe che alla fine però conquistano Gara1. Pronostico confermato, dunque con Latina sempre in campo autore di grandi recuperi.
“Sappiamo quanto sia difficile giocare nei playoff contro squadre che non hanno nulla da perdere – dice Gianlorenzo Blengini, tecnico della Lube – specie quando la posta in palio è ancora più alta. Siamo partiti male, mentre Latina ha giocato con il braccio sciolto: non siamo riusciti a rientrare nel finale del primo parziale. Poi, nel secondo set, siamo andati meglio ma cambiando marcia abbiamo pensato che l’avversario non ci avrebbe più impensierito. Invece facciamo fatica a restare lì con una squadra che ci mette in difficoltà, dobbiamo imparare a giocare con serenità anche quando non giochiamo al meglio. Abbiamo patito, anche nella fine del tie break nonostante il larghissimo vantaggio. Fortunatamente conta vincere e stasera ci siamo riusciti, ma dobbiamo migliorare su questo tema perché nei playoff vale soltanto il risultato finale. So che la squadra non ha giocato con la dovuta tranquillità, non credo per questione di tensione ma perché l’avversario ci ha metto in difficoltà, grazie alla qualità espressa stasera da Latina”.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, infortunio Partenio: le parole della giocatrice

CALZEDONIA VERONA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 2-3 26-24, 25-20, 17-25, 21-25, 10-15
CALZEDONIA VERONA: Zingel 9, Kovacevic 20, Pesaresi (L), Gitto, Lecat 1, Spirito, Baranowicz 3, Starovic 16, Bellei, Sander 13, Anzani 7. Non entrati Frigo, Bucko. All. Giani.
SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Buti 7, Fromm, De Cecco 4, Kaliberda 14, Giovi (L), Russell 24, Tzioumakas 1, Elia, Atanasijevic 29, Birarelli 10. Non entrati Holt, Dimitrov, Franceschini. All. Kovac. ARBITRI: Gnani, Cesare.
Il secondo tie break di Gara 1 è firmato Perugia. La formazione umbra è protagonista di una lunga rimonta dal 2 a 0 di Verona al successo al quinto set, trascinati da Atanasijevic, MVP in campo e autore di 29 punti, che si è detto entusiasta dell’andamento della partita: “E’ stata una bellissima vittoria. Ci abbiamo sempre creduto, anche quando eravamo sotto per 2 a 0. La squadra ha giocato una grande partita, i nostri tifosi ci hanno sostenuto alla grande. Ora però dobbiamo dimenticare questa vittoria perché Gara 2 sarà ancora più difficile”.
“Dopo il 2 a 0 noi siamo stati in campo troppo rilassati – è il commento di Andrea Giani, allenatore Calzedonia Verona – Avevamo vinto i primi due set, poi abbiamo cercato di recuperare lo svantaggio ma non ci siamo riusciti. Questo ha dato coraggio a Perugia e nel quarto set non abbiamo sfruttato bene qualche occasione. Nel tie break abbiamo dato loro la possibilità di prendere un break dopo il cambio campo e abbiamo concesso quello che non dovevamo concedere”. De Cecco e Buti in coro: “Domenica sarà un’altra battaglia!”

DIATEC TRENTINO – EXPRIVIA MOLFETTA 3-0 25-21, 25-15, 25-20
DIATEC TRENTINO: Kaziyski 16, Nelli 14, Giannelli 1, Lanza, Solé 6, Colaci (L), Van De Voorde 6, Mazzone (L), Urnaut 10, Mazzone. Non entrati Antonov, Bratoev, De Angelis, Djuric. All. Stoytchev.
EXPRIVIA MOLFETTA: Candellaro, Spadavecchia 1, De Barros Ferreira 14, Barone 4, De Pandis (L), Porcelli (L), Hierrezuelo 2, Fedrizzi 5, Hernandez Ramos 10. Non entrati Kaczynski, Mariella. All. Di Pinto. ARBITRI: Piana, Rapisarda.

Leggi anche:  Champions League pallavolo femminile, Novara perfetta con Kazan, le russe dominate

I Campioni d’Italia si sono infatti assicurati il match in una serata resa ancora più importante e suggestiva dal ritorno a Trento di Matey Kaziyski, che non è stato il solo a fare la voce grossa.
“Sono contento – ha detto coach Stoychev sulla vittoria dei suoi – sia per la vittoria sia per la prova di carattere delle squadra e di alcuni giocatori in particolare. Mi riferisco ad esempio a Colaci e Tiziano Mazzone che hanno saputo sacrificarsi per la squadra mettendo da parte rispettivamente le difficoltà fisiche, e del nuovo ruolo da ricoprire oppure anche a Kaziyski che dopo tanti giorni di pausa ha giocato una grande partita. Sono cose che io apprezzo particolarmente e che voglio sottolineare. E’ un successo che genera entusiasmo, ma adesso dobbiamo crescere anche dal punto di vista del gioco perché c’è tanto da fare e di fatto dobbiamo creare le dinamiche di squadra quasi da zero. Come ho ritrovato Kaziyski? Ci sta facendo un grandissimo favore, ma per lui ci sarà sempre posto perché è tornato a Trento per questioni di cuore; è importante ora metterlo a posto dal punto di vista fisico e tecnico. Nonostante il 65% in attacco può giocare ancora meglio”.
“Il match è stato la fotocopia della sfida di Regular Season – ha detto invece l’ex di turno Michele Fedrizzi – Non siamo mai riusciti a reggere il ritmo degli avversari che ci hanno messo alle corde principalmente col servizio. In questo modo siamo stati poco fluidi in fase di cambiopalla e poco concreti in quella di break point. Domenica in Gara 2, il PalaPoli dovrà essere il nostro uomo in più in campo come Kaziyski lo è stato stasera per Trento”.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, Cuneo aggiorna sull'infortunio di Degradi

DHL MODENA – TONAZZO PADOVA 3-0 25-20, 34-32, 25-20
DHL MODENA: Mossa De Rezende 5, Rossini (L), Sartoretti, Ngapeth 17, Nikic 11, Piano, Bossi 6, Saatkamp 8, Vettori 10. Non entrati Donadio, Soli, Casadei, Sighinolfi. All. Lorenzetti. TONAZZO PADOVA: Cook 13, Orduna 2, Giannotti 11, Balaso (L), Bassanello, Quiroga 1, Volpato, Averill 6, Berger 9, Milan, Diamantini 3. Non entrati Leoni, Lazzaretto. All. Baldovin. ARBITRI: Boris, Braico. NOTE – Spettatori: 3121 – durata set: 26′, 37′, 23′; tot: 86′.

Modena vince e convince per 3-0 il match anche se Padova, con grande grinta, ha dato filo da torcere agli emiliani soprattutto nel secondo parziale dove i bianconeri hanno avuto l’occasione di chiudere in più occasioni, ma la straordinaria prestazione di Ngapeth ha infine trascinato i padroni di casa nei momenti che contavano.

“Abbiamo vinto una gara importante – ha detto l’allenatore emiliano Angelo Lorenzetti – perché l’inizio dei playoff è sempre un momento delicato. Padova ha giocato un buon volley e non ha mai mollato. E’ chiaro che non è facile essere sempre al 100%, ora abbiamo davanti 4 giorni per preparare il prossimo match, domenica si va a Padova per un’altra sfida, da vincere”.
“Abbiamo perso contro una grande squadra – commenta mister Baldovin – ma sono soddisfatto dei miei ragazzi che hanno dimostrato che questa squadra non molla mai. Ora dobbiamo dare tutto domenica, davanti al nostro pubblico, in un’altra gara complicatissima”.

Prossimo turno
Play Off Scudetto, Quarti Gara 2
Domenica 13 marzo 2016, ore 17.00
Exprivia Molfetta – Diatec Trentino Diretta RAI Sport 1

Domenica 13 marzo 2016, ore 18.00
Ninfa Latina – Cucine Lube Banca Marche Civitanova Diretta Lega Volley Channel

Sir Safety Conad Perugia – Calzedonia Verona Diretta Lega Volley Channel

Tonazzo Padova – DHL Modena Diretta Lega Volley Channel

  •   
  •  
  •  
  •