Regular season di A2, Tonno Callipo centra la vetta

Pubblicato il autore: Manuela Passarella Segui

tonno_

La Tonno Callipo Calabria centra l’obiettivo e mantiene il primo posto in classifica al termine della regular season. Nonostante la sconfitta per tre a due in casa della Globo Sora i giallorossi rimangono a più uno e si confermano in testa alla classifica di serie A2 UnipolSai.
L’uovo di Pasqua ha regalato un primato platonico, in ogni caso poiché non da il pass diretto per la promozione in Superlega, ma che corona una stagione finora fatta di sacrifici e di grande abnegazione da parte della società, dello staff tecnico e degli atleti giallorossi. Un lavoro di squadra che ha portato al raggiungimento di un risultato importante.

In attesa dei playoff la società si gode il momento: “Questa affermazione in campionato – ha commentato il patron della squadra, Pippo Callipo – è la vittoria dei calabresi buoni e onesti. Non certo di quelli che usano la politica per arricchirsi a livello personale o a sottometterci tenendoci in questo stato di grande disagio”. Lo scontro diretto ha rispettato i pronostici della vigilia e si è rivelato entusiasmante. Una dolce sconfitta per i calabresi che domenica prossima apriranno in casa i playoff promozione contro Cassa Rurale Cantù giunta ottava. Le altre candidate al salto in Superlega sono Sora, Tuscania, Civita Castellana, Potenza Picena, Siena e Reggio Emilia.

“Avevamo bisogno di portare a casa almeno due set e ce l’abbiamo fatta – dice soddisfatto mister Mastrangelo – Penso che per almeno tre blocchi la partita sia stata vera poi, purtroppo entrambe le squadre hanno un po’ mollato e mio malgrado non siamo riusciti a guadagnarci l’ultimo set. Nonostante tutto però siamo primi ed è l’obiettivo che ci eravamo prefissati questa settimana. Siamo riusciti nel nostro intento e ora da martedì ci rimettiamo sotto a lavorare per i play off”.

“Si è visto molto bene in questo match che la distanza tra le due squadre è minima ma sta a noi colmarla – ha dichiarato invece coach Fabio Soli per Sora – Siamo distanti in senso globale ancor più che in senso tecnico e dobbiamo essere pazienti e fare del nostro meglio per arrivare a poter competere con loro su una serie lunga dove, di norma, a vincere é il più forte. Abbiamo un gap da colmare e dobbiamo avere forza, pazienza e lucidità ma soprattutto dobbiamo essere tutti disposti a metterci a servizio del gruppo e dare qualcosa in più. Sicuramente abbiamo un gioco molto distante ma l’esito delle gare è sempre lo stesso, noi vicini a loro e loro vicini a noi. Queste sono partite che si giocano sugli spunti individuali e loro hanno dimostrato maggiore serenità soprattutto nei momenti difficili dove noi paghiamo troppo il nostro nervosismo. Ribadisco quindi che il divario, seppure breve, è soprattutto globale e tocca a tutti noi essere più disponibili affinché le prospettive ci sorridano”.

  •   
  •  
  •  
  •