Semifinali CEV Champions League, derby italiano Trentino- Lube

Pubblicato il autore: Andrea Sicuro Segui

trentino diatec
SEMIFINALI CEV CHAMPIONS LEAGUE, DERBY ITALIANO TRENTINO- LUBE
 Sarà la Cucine Lube Banca Marche Civitanova a contendere alla Trentino Diatec il 16 aprile prossimo alla Tauron Arena di Cracovia (Polonia) l’accesso alla finale di 2016 CEV DenizBank Volleyball Champions League. La seconda sfida della tre giorni dedicate alle gare di ritorno dei Playoffs 6 ha infatti promosso alla Final Four la formazione marchigiana (avanti al golden set su Ankara), disegnando quindi da regolamento un derby tutto italiano in semifinale, remake del match giocato nell’ identica fase del tabellone finale già nell’edizione 2009 – la prima disputata da Trentino Volley poi conclusa con la storica vittoria alla O2 Arena di Praga. In attesa di conoscere il nome dell’ultima squadra partecipante (Belchatow o Kazan, le due squadre si affrontano giovedì sera a Lodz coi polacchi avanti grazie al 3-2 ottenuto in Russia la settimana scorsa), a Cracovia gli appassionati avranno quindi la certezza di poter assistere ad una fra le sfide che più hanno contraddistinto la storia recente della pallavolo italiana. Il confronto fra Trento e Lube, fra l’altro, ha radici profonde anche in campo europeo, tenendo conto pure del doppio precedente dei Playoffs 6 dell’edizione 2012 che promosse Trento dopo un clamoroso 4-0 (3-0 nella gara regolare e poi vittoria anche del golden set) nel match di ritorno del PalaTrento che cancellò la sconfitta al tie break della gara d’andata a Macerata. Per conoscere gli orari di gioco delle due semifinali del 16 aprile e delle finali del giorno bisognerà attendere l’ufficializzazione della CEV, che avverrà a breve.

SEMIFINALI CEV CHAMPIONS LEAGUE, DERBY ITALIANO TRENTINO- LUBE La Trentino Diatec è approdata per la quinta volta (su sette partecipazioni) alla Final Four della Cev Champions League di pallavolo maschile. I campioni d’Italia ci saranno a Cracovia il 16 e 17 aprile per tentare di riconquistare il titolo europeo. Dopo il 3-0 maturato all’andata al PalaTrento, ai gialloblù bastavano due set per passare il turno, ma hanno fatto di meglio e si sono imposti anche in trasferta contro i russi del Belogorie Belgorod ottenendo la qualificazione alle semifinali già a metà match, quando si sono portati sul 2-1. Nel quarto set c’è stato un ovvio calo della concentrazione e Radostin Stoytchev ha dato spazio alle seconde linee, ma Trento ha voluto chiudere in bellezza senza lasciare agli avversari nemmeno la soddisfazione di vincere davanti al proprio pubblico e ha avuto la meglio ai vantaggi del tie-break.

Stoytchev ha mandato in campo Giannelli in regia, Nelli opposto, Antonov e Urnaut in posto 4, Van de Voorde e Solé al centro più Colaci libero, Vadim Khamuttskikh ha risposto con Antipkin al palleggio, Danilov opposto, Ivovic e Tetyukhin schiacciatori, Makeshin e Smolyar centrali più Bragin libero. Nel primo set subito un ottimo avvio di Trento, tanto che Khamuttskikh ha dovuto chiamare il time-out discrezionale sul 2-7, poi i gialloblù sono arrivati a quello tecnico sull’8-3 e in seguito hanno mantenuto un vantaggio di tre-quattro punti fino alla seconda pausa obbligatoria (8-12). Al rientro in campo i campioni d’Italia hanno allungato fino a ottenere otto palle-set, una sola annullata prima del 17-25 firmato da Urnaut. Nel secondo set è arrivata la reazione del Belgorod e questa volta è stato Stoytchev a dover sprecare subito un time-out discrezionale sul 4-1. I russi sono arrivati alla prima pausa tecnica sulla’8-5 e al secondo sul 16-12, poi Trento è riuscita a pareggiare sul 20-20 con Urnaut dalla seconda linea, ma il Belgorod con i punti in sequenza di Tetyukhin, Smolyar con un muro su Lanza, e doppio Ivovic ha guadagnato quatto palle-set, una sola annullata da Nelli prima del mani-out vincente di Ivovic che ha segnato così il punto del 25-21. Il terzo set è stato quello decisivo. Trento, dopo essere arrivata in svantaggio di tre punti al primo time-out tecnico (8-5), ha pareggiato con Urnaut sul 9-9 e poi ha compiuto il sorpasso sul 10-11 con un ace di Giannelli che ha costretto Khamuttskikh a chiamare il time-out. Trento ha trovato il break al rientro in campo (10-12) e, anche se il Belgorod si è più volte avvicinato a -1, è arrivata su 14-16 alla seconda pausa tecnica e poi ha allungato sul +3 (14-17). Lanza ha sbagliato la palla del +4 e sul 16-18 Stoytchev ha chiamato il time-out. Alla ripresa del gioco i gialloblù hanno ripristinato il +3 con un muro vincente di Urnaut (17-20) ed è stato Khamuttskikh a chiedere una pausa dopo la quale i suoi si sono portati fino al -1. Sul 21-22 di Tetyuchin Stoytchev ha fermato un’altra volta il gioco, ma il Belgorod ha pareggiato sul 23-23. È stato Antonov a trovare la palla-set sul 23-24 e lui stesso l’ha trasformata con l’ace del 23-25 che vale la qualificazione alla Final Four.Nel quarto set il Belgorod ha cominciato meglio arrivando al primo time-out tecnico sul +4 (8-4), ma punto dopo punto Trento ha pareggiato sull’11-11 con Antonov e da quel momento è cominciata una lotta sostanzialmente punto a punto, se si esclude il +2 del Belgorod alla seconda pausa tecnica (16-14). Trento si è poi riavvicinata a -1 (19-18), ma nel finale i padroni di casa hanno trovato il guizzo vincente e hanno ottenuto tre palle-set chiudendo infine sul 25-22.Il tie-break è stato equilibrato, le squadre si sono inseguite punto su punto, Trento è arrivata in vantaggio 7-8 al cambio campo, il Belgorod ha avuto per primo una palla-match, ma i gialloblù l’hanno annullata e ai vantaggi hanno chiuso sul 14-16 con un ace di Nelli.

Leggi anche:  Asian Men’s Volleyball Championship: trionfa l’Iran, Kazemi è l’MVP

SEMIFINALI CEV CHAMPIONS LEAGUE, DERBY ITALIANO TRENTINO- LUBE Questo il dettaglio statistico di Trentino Volley nelle partite già giocate contro la Lube.

Partite ufficiali giocate: 48 (20 al PalaTrento, 17 a Macerata, 2 a Civitanova, 9 in campo neutro).
Vittorie:
28 (14 al PalaTrento, 9 a Macerata, 5 in campo neutro); 8 per 3-0, 8 per 3-1, 12 per 3-2.
Sconfitte: 20 (6 al PalaTrento, 8 a Macerata, 2 a Civitanova, 4 in campo neutro); 7 per 0-3, 6 per 1-3, 7 per 2-3.
Set:
104 vinti e 92 persi.
Precedenti in CEV Champions League:
3
– 4 aprile 2009 – semifinale: Trentino Volley-Lube Banca Marche Macerata 3-0 (25-21, 25-19, 25-23)
– 22 febbraio 2012 – Playoffs 6, gara d’andata: Lube Banca Marche Macerata-Trentino PlanetWin 365 3-2 (16-25, 19-25, 25-18, 25-22, 15-9)
– 1 marzo 2012 – Playoffs 6, gara di ritorno: Trentino PlanetWin 365-Cucine Lube Banca Marche Macerata 3-0 (25-18, 25-22, 25-21) golden set 15-9
Nella stagione 2015/16:

13 dicembre 2015: Diatec Trentino-Cucine Lube Banca Marche Civitanova 3-2 (23-25, 21-25, 25-23, 25-16, 16-14)
6 febbraio 2016: Cucine Lube Banca Marche Civitanova-Diatec Trentino 2-3 (19-25, 25-17, 22-25, 27-25, 11-15)
6 marzo 2016: Cucine Lube Banca Marche Civitanova-Diatec Trentino 3-0 (25-23, 25-19, 25-17)

  •   
  •  
  •  
  •