A Monza Molfetta perde 3-1, playoff in bilico

Pubblicato il autore: Livio Addabbo Segui

monza molfetta
A Monza Molfetta cede 3-1 in gara-2 dei quarti di finale dei playoff per il quinto posto. La squadra di Di Pinto vince il primo, combattutissimo set, ma cala alla distanza, fino a cedere il match. Ora appuntamento a domenica. Al PalaPoli, chi vince passa il turno.
L’Exprivia, che deve ancora fae a meno di Fernando Hernandez, parte con lo starting six che si è imposto domenica a Molfetta, con Hierrezuelo e Joao Rafael, Mustedanovic e Fedrizzi, Barone e Candellaro, De Pandis libero. Monza risponde con Jovovic e Raic, Galliani e Botto, Beretta e Verhees, libero Rizzo.

Il primo set è equilibratissimo. Monza parte bene con Raic al servizio, Hierrezuelo risponde per le rime e i molfettesi, complice anche un muro di Mustedanovic, vanno avanti di un mini break. All’Exprivia non riesce però la fuga e sul 22-22 l’ace di Verhees vale il sorpasso dei padroni di casa. Gli ospiti non ci stanno, il primo tempo di Candellaro e l’attacco di Fedrizzi regalano un nuovo sorpasso (23-24). Si lotta sul filo dell’equilibrio, l’Exprivia colleziona set point, Monza li annulla. La palla set giusta è la sesta, firmata Hierrezuelo con un muro ai danni su Galliani.

Leggi anche:  Volleyball, polemica razzismo e la Fivb indaga sulla vicenda Ngapeth-Heynen/Kubiak

Nel secondo set l’Exprivia parte bene con Fedrizzi al servizio, ma sul 3-0 molfettese qualcosa si inceppa in casa Molfetta. Galliani fa male al servizio, Raic in attacco, la ricezione della squadra di Di Pinto cala, così come calano le percentuali in attacco. Monza vola, l’ace di Hierrezuelo e il muro di Barone tentano di ridar vigore all’Exprivia (22-17). I padroni di casa si aggiudicano il parziale per 25-18, con il muro di Raic su Del Vecchio, entrato nel frattempo al posto di Mustedanovic.

Anche nel terzo set il Gi Group parte benissimo con Raic in battuta (5-1). Un muro di Joao Rafael accorcia le distanze (5-2). L’errore di Raic e l’astuto block-out di Joao Rafael riportano sotto Molfetta (9-8), subito dopo il contrattacco di Galliani ristabilisce le distanze. A lungo andare Botto e compagni prendono il largo, Di Pinto inserisce nuovamente Del Vecchio al posto di Mustedanovic, ma non cambia nulla. Monza va avanti fino a 23-16, poi gli attacchi di Joao Rafael e il muro di Candellaro su Galliani spingono l’Exprivia a quota 19. Ma il Gi Group si aggiudica il parziale 25-20 e passa a condurre il match.

Leggi anche:  VNL maschile: Slovenia e Francia alla Final Four, Russia beffata per sette millesimi

Un ace di Joao Rafael fa ripartire bene l’Exprivia, ma Galliani continua a creare problemi ai molfettesi e spinge i compagni sul 4-2. Il set è complicato, i muri di Candellaro e Barone aiutano l’Exprivia, ma Monza conduce 12-9 al timeout tecnico. L’ace di Joao Rafael regala l’11° punto a Molfetta, il muro di Candellaro è prezioso e vale il 12-13. Sono i punti quasi dell’illusione, però, perché Monza avanza fino al 18-13 e mette in cassaforte il set. E anche il match. Finisce 25-17 e 3-1.

A fine gara a parlare è il coach Vincenzo di Pinto: “Sicuramente stasera c’è da fare i complimenti al Gi Group Monza. Ci è mancato un po’ di ritmo e di intensità, fattori a cui si aggiunge qualche piccolo problema fisico, cosa che abbiamo probabilmente accusato anche a livello psicologico. Loro sono stati bravi a capire che potevano fare loro il risultato e hanno chiuso con serenità questa seconda sfida. Gara 3? Sarà sicuramente un’altra partita”

  •   
  •  
  •  
  •