Volley: intervista a Fondriest e Poma “Sotto con Piacenza”

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta Segui

volley
Obiettivo centrato per le ragazze della Yamamay: vincere il derby per giocarsi tutto nell’ultima giornata di campionato. Riprendiamo l’intervista di Varesenews alle protagoniste Fondriest e Poma.

Silva Fondriest, come ha vissuto la partita da dentro il campo, e cosa pensa del vostro gioco e del risultato?
Per me giocare contro il Club Italia ha sempre un certo significato. Anche l’anno scorso, continua la Fondriest, ci ho giocato spesso e riesce sempre a tirare fuori il meglio di me. Sono contenta perché sono riuscita a fare bene in attacco e in campo c’era molta emozione da parte di tutte perché era una partita importante che dovevamo vincere per forza con 3 punti e abbiamo rischiato di inciampare. Nonostante questo siamo riuscite a riprendere le redini della situazione quando avevamo un po’ perso il controllo.

Nel secondo set cosa vi è mancato o cosa hanno fatto di più le ragazze del Club Italia?
Il Club Italia tende a tirare molto la battuta e ci ha messo in difficoltà in alcune situazioni. Inoltre potevamo fare meglio a muro: in questo fondamentale non siamo state molto invadenti, io in primis, sorride la Fondriest.

Leggi anche:  Sir Perugia, Oleh Plotnytskyi: "In Polonia giocheremo partite contro avversari di livello"

In generale in questo set è calata un po’ la grinta e siamo scese in campo un po’ spente. Nel terzo invece siamo entrate decisamente con un altro piglio.

All’inizio del quarto abbiamo avuto un black-out: ogni tanto abbiamo questi momenti che sono un insieme di errori, ammette candidamente. La cosa positiva è che da un certo punto c’è stato un colpo di reni, abbiamo messo una marcia in più, spinto in battuta e in attacco e portato a casa il risultato.

Per la prossima partita in casa contro Piacenza state preparando qualcosa in particolare?
Fino a ora stavamo pensando alla partita di oggi perché sapevamo che il risultato non era scontato. Da lunedì guarderemo a Piacenza e sappiamo che sarà una partita molto difficile: hanno una squadra notevole ma noi giochiamo in casa quindi speriamo di sfruttare al meglio questo fattore e avere qualcosa in più.

Leggi anche:  Bartoccini Fortinfissi Perugia, Imma Sirressi: "Arriveremo cariche e pronte alla prima di campionato"

 Poma, come è andata la partita alla luce della lunga pausa che avete affrontato?
Dopo 2 settimane di stop dovevamo ritrovare il ritmo di gioco visto che avevamo intrapreso una scia positiva con le ultime partite: la pausa ci ha permesso di riposarci però non ci ha aiutato a mantenere il ritmo. Credo che siamo state brave, perché sapevamo l’importanza e il valore della partita in ottica playoff.

Il Club Italia è una squadra che entra senza timore, sia con la prima sia con l’ultima in classifica: battono forte e giocano tanto su quel fondamentale. Hanno delle bocche da fuoco, Egonu, Guerra e D’Odorico sono ottime attaccanti. Il merito va a noi per averle fermate. Nel secondo set però siamo partite spente, come se il primo set ci avesse appagato. Poi pian piano siamo ritornate.

Leggi anche:  Sir Perugia, Oleh Plotnytskyi: "In Polonia giocheremo partite contro avversari di livello"

 Un commento sui cartellini?
Jaimie Thibeault non ha fatto niente, non ne vedo il motivo. Ma nemmeno quelli dati al Club Italia, preferirei comunque non esprimermi su questo aspetto.

Silvia Fondriest, uscite a testa alta e con un secondo set vinto. Altre impressioni?

Penso che comunque sia stata una bella partita e noi ci siamo espresse con il nostro gioco compresi alcuni momenti di buio che purtroppo ci caratterizzano un po’ e sono il nostro lato negativo. Tutto sommato però è andata bene soprattutto dal punto di vista della grinta: ci siamo piaciute, sono contenta di questo per tutta la squadra. A un certo punto, c’è stata un po’ di confusione e non saprei se i cartellini ci stavano o no. Ero concentrata nel gioco e nella partita e non ho visto cosa stava succedendo in panchina.

  •   
  •  
  •  
  •