Volley, Umbria in estasi: Perugia finalista scudetto e Spoleto in A [VIDEO]

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui
Perugia in finale (fonte Facebook Sir Safety Volley)

Perugia in finale (fonte Facebook Sir Safety Volley)

La Sir Safety Perugia è la prima finalista dei play-off scudetto. La formazione umbra di coach Kovac sfrutta il secondo match-ball e batte in gara-4 di semifinale la Cucine Lube Banca Marche Civitanova 3-0 (25-20, 25-23, 27-25), chiudendo così la serie sul 3-1. Tra i padroni di casa, 19 punti di Russell, il più prolifico del match, e 15 di Atanasijevic, mentre tra i marchigiani si fermano a 11 Juantorena e Miljkovic. Domani la Dhl Modena proverà a chiudere i conti nella trasferta delicata al PalaTrento contro la Diatec Trentino in gara-4 dell’altra semifinale, che vede i ‘canarini’ in vantaggio per 2-1.

IL TABELLINO (fonte SirSafetyPG Facebook)

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA 3-0

Parziali: 25-20, 25-23, 27-25
Durata Parziali: 29’, 31’, 34’. Tot.: 1h 34’

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 2, Atanasijevic 15, Birarelli 7, Buti 5, Kaliberda 9, Russell 19, Giovi (libero), Elia, Dimitrov, Fromm. N.E.: Fanuli, Tzioumakas, Holt. All. Kovac, vice all. Fontana.

CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA: Christenson 3, Fei 3, Stankovic 5, Cester 6, Juantorena 11, Priddy 1, Grebennikov (libero), Miljkovic 11, Cebulj 7, Vitelli, Podrascanin 2. N.E.: Corvetta, Kovar . All. Blengini, vice all. D’Amico.

Arbitri: Matteo Cipolla – Gianni Bartolini

Leggi anche:  Mercato pallavolo femminile serie A, bel colpo per Conegliano

PERUGIA: 13 b.s., 6 ace, 44% ric. pos., 16% ric. prf., 49% att., 6 muri.
CIVITANOVA: 14 b.s., 4 ace, 49% ric. pos., 25% ric. prf., 43% att., 7 muri.

Al proprio profilo Facebook i bianconeri affidano queste righe di gioia e soddisfazione: “Pelle d’oca in un meraviglioso PalaEvangelisti per gli uomini di Kovac che battono in tre set Civitanova e volano verso l’epilogo tricolore! Stratosferico Russll, stratosferica squadra, stratosferico pubblico! Due anni dopo a lottare per lo scudetto ci sono ancora i Block Devils che staccano anche il pass per la prossima Champions
PERUGIA – E va beh… che dire? Un paio di cose intanto… Finale Scudetto e Champions League!”

Appena 24 ore prima del giorno che ha sancito l’apertura delle porte del sogno per Perugia un’altra formazione dell’Umbria ha coronato il suo tornando in serie A dopo ben otto anni. E’ la storia della Monini Marconi Spoleto, erede della grande tradizione pallavolistica spoletina, che battendo al Palarota per 3-0 la 4 Torri Volley Ferrara ha conquistato il diritto a partecipare alla Serie A2 per la stagione 2016-2017. Era dal 2008 che la Città del Festival aspettava questo momento. Da quando la squadra retrocesse in Serie B da quint’ultima e con la bellezza di 44 punti.

Monini Marconi Spoleto (fonte moninimarconi.it)

Monini Marconi Spoleto (fonte moninimarconivolley.it)

L’opposto di quella Monini Marconi era Cristian Vigilante che ieri, dopo aver disputato un’altra prova magistrale, ha ‘urlato’ tutta la propria felicità: “Ci siamo ripresi ciò che ci spettava dopo otto lunghi anni e una retrocessione davvero ingiusta. Oggi siamo molto felici, abbiamo coronato un sogno”.

Leggi anche:  Mercato pallavolo femminile serie A, bel colpo per Conegliano

Come riporta il sito ufficiale degli spoletini: “Non c’è molto da raccontare sul match di ieri se non di una Monini Marconi che ha faticato un po’ nella prima fase dei tre set ma poi, nei momenti decisivi, ha tirato fuori classe e attributi vincendoli tutti con autorità. La 4 Torri Ferrara dell’ex Leonardo Di Renzo, in piena corsa playoff, ha dovuto abdicare contro una corazzata in cui ogni singolo giocatore, nell’arco della stagione, ha dato il proprio preziosissimo contributo, e che ieri è scesa in campo con un solo pensiero in testa: vincere. Con quello di ieri fanno otto risultati utili consecutivi per un gruppo che, nel momento peggiore della stagione, coinciso con la pesante sconfitta subita a Massa, si è guardato negli occhi ed ha saputo risollevarsi alla grandissima, sia per merito di chi è andato più spesso in campo sia di coloro che hanno giocato di meno ma che, una volta chiamati in causa, hanno dimostrato di valere ampiamente la maglia della Monini Marconi. Coach Provvedi, al termine della gara, li ha voluti ringraziare uno ad uno, ricordando poi che il lavoro è concluso solo a metà. “Siamo in Serie A, è un traguardo grandissimo che questa squadra e questa città meritano, ma ora vogliamo vincere il campionato”.

  •   
  •  
  •  
  •