Torneo qualificazione olimpiadi 2016: l’Italia facile contro il Kazakistan

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

qualificazione olimpicaNon deve sudare troppo la nazionale femminile di volley guidata da Marco Bonitta nel torneo qualificazione olimpiadi 2016 di Tokyo, dove supera senza troppi problemi il modesto Kazakistan che viene liquidato per 3 a 0 con i parziali di 25-22, 25-16, 25-19, soffrendo un po solo nel primo set, quando, forse per la già acquisita qualificazione a Rio, le azzurre hanno abbassato la guardia lasciando giocare la formazione asiatica che non vanta una grande tradizione nel volley.

Qualificazione olimpiadi 2016: l’Italia dilaga nel secondo e nel terzo set con il Kazakistan

Dopo un primo set equilibrato, dove Marco Bonitta ha cercato di trovare il giusto equilibrio tattico senza rischiare di forzare troppo la mano alle sue ragazze che grazie alla vittoria sul Giappone di ieri si sono qualificate per Rio 2016, le azzurre dilagano letteralmente nella seconda frazione di gioco, dove le asiatiche si fermano a 16 punti, surclassate dalla supremazia tecnica dell’Italia che non sbaglia un fondamentale e mura quasi tutti gli attacchi delle avversarie che non possono far altro che soccombere. In grande spolvero nella seconda frazione di gioco Paola Egonu, che è sembrata molto più concentrata rispetto ai due precedenti incontri e ha saputo attaccare diligentemente mettendo anche a segno il punto del 25 a 16 che ha chiuso il set.
Aspettando il risultato dell’Olanda l’Italia è ora al comando nel torneo di Tokyo di qualificazione olimpica, risultato che non comprometterebbe la partecipazione alle prossime olimpiadi brasiliane ma che aiuterebbe Chirichella e compagne ad andare in Brasile con uno spirito più positivo e di raccogliere i frutti dell’allenamento che hanno sostenuto tutto l’anno.

Leggi anche:  Calcio femminile a Tokyo 2020: chi saranno le campionesse olimpiche?

Qualificazione olimpica 2016: sulla strada di Rio c’è il Grand Prix

Domani l’Italia tonerà a casa, e le ragazze potranno godere di una meritata vacanza pensando al Grand Prix, manifestazione sportiva che precederà i giochi olimpici di Rio 2016 e che assegnerà i posti ancora in gioco per la massima competizione sportiva mondiale. Alla fine del torneo caraibico si stabiliranno i gironi olimpici, che senza troppe sorprese dovrebbero essere così strutturati:
GIRONE A: Brasile, Russia, Giappone, Sud Corea, Argentina e Camerun. GIRONE B: USA, Cina, Serbia, Italia, Olanda, Porto Rico. L’italia ritroverebbe così sul suo cammino la Cina, che la estromise dalla finale degli ultimi mondiali, e l’Olanda, che non le ha dato scampo a Tokyo. Due avversari difficili che però mostreranno se la nazionale di Bonitta può ambire a una delle tre medaglie.

  •   
  •  
  •  
  •