Volley, via libera alla fusione tra Piacenza e Modena

Pubblicato il autore: Damir Cesarec Segui

piacenza modena fusione

Alla fine le indiscrezioni delle ultime settimane si sono rivelate quanto mai fondate. Nonostante le smentite dei giorni scorsi, alle quali peraltro in pochi avevano dato credito, la Nordmeccanica Piacenza e la Liu Jo Modena si sono fuse, dando vita a quella che in tanti hanno già ribattezzato “Modenza”. Anche se l’annuncio ufficiale arriverà solo tra qualche giorno, le parole del presidente onorario di Piacenza Antonio Cerciello, rilasciate a sportpiacenza.it, pongono una pietra tombale sul trasferimento della società dal PalaBanca al PalaPanini: “Non esiste più la possibilità di passi indietro”.

La Nordmeccanica saluta Piacenza dopo due scudetti, due Coppe Italia e due Supercoppe, e porta dunque la squadra e il titolo sportivo (con annesso la partecipazione alla prossima Champions League) a Modena, mentre la Liu Jo venderà il suo diritto sportivo (a Bolzano?) e resterà solo come sponsor.

Leggi anche:  Volley - 3 su 3 in Champions per Novara: i tabellini degli incontri
Alla base di questa drastica decisione i complicati rapporti con il Comune, come spiega Cerciello: L’amministrazione comunale non ci ha mai seguito, da tempo aspetto risposte che non sono mai arrivate. Il sindaco in un anno non è mai venuto a una nostra partita e non sono mai riuscito a parlargli. L’assessore Cisini lo abbiamo visto qualche volta al PalaBanca ma non è mai venuto in trasferta. E’ vero, era a Cannes quando abbiamo giocato in Champions, ma solo perché lo abbiamo ospitato noi”

Il progetto è chiaro, le motivazioni pure, ma quello che dispiace maggiormente è il trattamento riservato ai tifosi piacentini, i quali verranno lasciati di punto in bianco orfani della Serie A1, mentre quelli modenesi si ritroveranno in casa un corpo estraneo.
“Mi dispiace davvero tanto per i tifosi – spiega il patron -, ma posso garantire che faremo il possibile per facilitare la trasferta di chi ci vorrà seguire al PalaPanini. Ne parleremo, ma da parte nostra siamo disposti a offrire un pullman ed eventualmente anche i biglietti ai nostri tifosi che si sobbarcheranno gli oltre cento chilometri fino a Modena. Noi a questa città teniamo parecchio e lo dimostriamo dando lavoro a quasi 400 persone”.
Poi un ultimo pensiero rivolto al futuro: “Volevamo proseguire a Piacenza il discorso iniziato qualche anno fa, ma non ci è stato concesso. Continueremo a volare alto a Modena”.

Leggi anche:  Champions League pallavolo femminile, dopo la bolla di Novara quella di Scandicci: ecco il programma

A questo punto resta da capire l’assetto societario. Al momento l’unica certezza sembra essere quella di Giorgio Varacca, attuale genral manager del club piacentino, che sarà chiamato a tirare le fila della nuova società. Mentre non ci dovrebbe essere spazio per il general manager della Liu Jo Carmelo Borruto.

Capitolo allenatore: due i nomi in lizza, Giovanni Caprara e Marco Gaspari. Il primo è in ottimi rapporti con la famiglia Cerciello, ma sull’attuale tecnico dell’Eczacibasi Istanbul c’è un forte interessamento da parte delle campionesse d’Europa di Casalmaggiore. Più semplice la pista che porta a Gaspari, tutt’ora sotto contratto con Piacenza.
Per quanto riguarda invece la rosa, a Francesca Marcon, Yvon Belien e Giulia Leonardi, legate a Piacenza anche per la prossima stagione, dovrebbero aggiungersi le “modenesi” Francesca Ferretti, Laura Heyrman e Dora Horvath.
  •   
  •  
  •  
  •