Volley, Sirci: ”La Sir Safety Perugia andrà a Firenze”

Pubblicato il autore: Davide Serioli Segui
Tifosi della Sir Safety Perugia

Tifosi della Sir Safety Perugia

La Sir Safety Perugia squadra autrice di un’ottima stagione è appena uscita sconfitta con Modena in gara -3 della finale scudetto.
Una sconfitta che nonostante gli ottimi risultati della stagione, pesa molto sulla testa dei giocatori che potrebbero rimanere condizionati da questa partita magari anche per la prossima stagione.
La voglia di ripartire, ricominciare e puntare a rigiocare una finale scudetto è pero alta e allenatore, presidente e giocatori promettono che faranno di tutto per vincere il prossimo anno.
Perugia ha fatto il massimo che poteva in questa finale, gioca le ultime gare fino al tie break e, nonostante sia la squadra quinta classificata al termine della regular season, alza l’asticella del proprio livello tecnico. Grandiosi gli interventi di Atanasijevic e Russell, quest’ultimo in maniera particolare per essere considerato la vera e propria rivelazione di una stagione che consegna agli umbri l’accesso alla Champions league il prossimo anno.
Gli scontri tra Modena e Perugia durante tutto il corso dell’anno hanno sempre sorriso ai gialli di Lorenzetti, dato che hanno sempre sconfitto Perugia. Un organico, quello degli Umbri che durante il mercato potrebbe cambiare tanto ma con l’obiettivo di restare in alto e puntare a giocare un’ottima stagione.

La società della Sir Safety Perugia dovrà però prima risolvere i problemi relativi al PalaEvangelisti e decidere se lasciarlo per sempre.

Questo discorso non si basa su semplici supposizioni dato che è proprio il presidente della Sir Safety Perugia, Gino Sirci, a darne la conferma: ”Allo stato attuale delle cose non ci sono più le condizioni per restare a giocare a Perugia e davanti a noi abbiamo l’ipotesi di trasferirci a Firenze, per andare a giocare al Mandela Forum, avendo ricevuto una proposta importante ed allettante, che, inevitabilmente stiamo valutando con grande attenzione”.

Sirci ha poi continuato il discorso: ”Noi siamo legati alla città di Perugia, alla gente e ai nostri magnifici tifosi e dopo aver perso la finale scudetto abbiamo la volontà di rinforzare la squadra per riprovarci il prossimo anno, ma siamo di fronte ad un problema concreto legato ad una permanenza al PalaEvangelisti per il fatto che da mesi non abbiano la possibilità di avere un contratto per l’utilizzo della struttura e ci vengono chieste delle somme ma non sappiamo a cosa tali cifre si riferiscano e se chi le chiede ha titolo per farlo. In questa situazione, da un momento all’altro potremmo ritrovarci fuori dalla PalaEvangelisti senza poter rivendicare alcun diritto”.

Sirci ha poi spiegato in maniera dura cosa sta lo sta spingendo a spostare la squadra da Perugia a Firenze: ”“in questi ultimi mesi c’è stato al palasport il cambio dell’interlocutore e siamo stati oggetto di aggressioni verbali che non possiamo più tollerare, in quanto c’è la volontà di farci passare come chi entra in casa di altri senza permesso. Per aver appeso uno striscione con il simbolo della nostra squadra all’interno dello spogliatoio che utilizza solo la nostra squadra è accaduto il finimondo e questo non possiamo più tollerarlo, né per noi e né per la squadra. E poi, siamo ora nelle condizioni che anche dopo tre o quattro giorni dalle partite il palazzetto deve essere ancora ripulito ed anche i nostri giocatori rimangono stupiti per quanto vedono”.
Ci sono stati vari incontri per permettere alla Sir Safety di continuare a giocare a Perugia ma al momento pare si siano ottenuti scarsi risultati.

  •   
  •  
  •  
  •