Rio 2016, Zaytsev: “Una medaglia è obbligatoria”

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui

rio 2016 zaytsev medagliaUna medaglia a Rio è d’obbligo“. Così lo spoletino Ivan Zaytsev, lo schiacciatore azzurro che, alla partenza ieri sera dall’aeroporto di Fiumicino per Rio, ha espresso all’ANSA il pensiero di tutta la nazionale. Sullo stesso aereo dell’Alitalia, che porta i pallavolisti in Brasile, anche le due squadre di beach volley maschile e femminile. Durante le fasi che hanno preceduto l’imbarco, Zaytsev ha quindi aggiunto che “l’obiettivo è soprattutto quello di provare a migliorare il bronzo di quattro anni fa a Londra: Insomma, partiamo molto fiduciosi e motivati”. Parlando poi di Brasile, Usa, Canada, Francia e Messico, le cinque avversarie che l’Italia si troverà ad affrontare inizialmente, Zaytsev ha detto: “abbiamo beccato sicuramente il girone più difficile, però credo che mai come quest’anno le squadre siano molto equilibrate tra loro. Pertanto tutti possono vincere con tutti, tutti possono perdere con tutti. Noi non partiamo con l’idea di stare in un girone difficile. Non dobbiamo stare lì troppo a fasciarci la testa: giochiamo e andiamo in campo. Dobbiamo provare a vincere tutte le partite, cosa, questa, che possiamo fare per poi giocarci il tutto per tutto nel quarto di finale che dovrebbe essere abbordabile visto che sarà contro una squadra dell’altro girone che, in teoria, dovrebbe essere più morbida”.

Rio 2016 Zaytsev medaglia obbligatoria, cosa ne pensano gli altri

Ottimisti anche i giocatori del beach volley. “Siamo convinti di poter far bene alle Olimpiadi poi sarà il campo a stabilirlo” ha detto Paolo Nicolai che con Daniele Lupo forma una delle due coppie maschili in gara a Rio (l’altra è composta da Alex Ranghieri Adrian Carambula). Ci presentiamo ai Giochi dopo aver vinto due campionati europei in quattro anni: “la nostra è stata una stagione molto importante a livello internazionale con quattro finali su nove tornei”. Analizzando il torneo, Nicolai ha quindi detto che: “è molto equilibrato. Delle 24 coppie in gara, almeno dieci sono da medaglia ma noi dobbiamo soltanto pensare a fare il nostro gioco indipendentemente dall’avversario che avremo di fronte“. Cariche di entusiasmo e di un’allegria contagiosa, anche Martina Menegatti e Viktoria Orsi Toth: “Cercheremo di esprimere il nostro miglior gioco e poi – ha commentato Viktoria, per gli amici Viky – vedremo dove questo ci portera“. Dello stesso avviso anche Martina: “A Rio andiamo cariche e pronte a dare il massimo“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Allianz Powervoley Milano: Perugia - Milano 3 - 1