World League: la Final Six inizia con Italia-Brasile

Pubblicato il autore: Arianna Salpietro Segui

1712018-36238770-1600-900
Questo pomeriggio alle ore 17.30, in diretta RaiSport 1, si terrà a Cracovia l’inizio delle Final Six di questa World League in programma in Polonia fino a domenica. Lo scontro Brasile- Italia è uno degli incontri più attesi  in cui gli uomini di Blengini daranno il massimo.

La Final Six rappresenterà dunque un’importante prova per la squadra azzurra che tra poco meno di un mese sarà impegnata nei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, appuntamento al quale Birarelli e compagni vorranno arrivare al meglio.

In totale sono 84 i match giocati tra gli azzurri e gli avversari brasiliani, si conteggiano 33 vittorie per l’Italia mentre sono 52 quelle del Brasile.  Il ct torinese scommette sui suoi uomini e proverà a migliorare il quinto posto dell’anno scorso “Siamo contenti di essere in Polonia e partecipare alla final six contro avversarie importanti”.

Ci sono alcuni infortuni per gli azzurri: fermo ai box Giulio Sabbi e Osmany Juantorena nonostante i problemi fisici sarà presente in campo. Sulle condizioni della squadra spiega Blengini “Abbiamo delle problematiche che stiamo cercando di migliorare C’è ancora tempo per farlo, alle Olimpiadi mancano tre settimane. E’ necessario risolvere i problemi individuali e quelli di squadra. Obiettivo riuscire a fare bene anche le cose che negli ultimi periodi non vanno. Però siamo qui in Polonia in un impianto dove giocare è veramente emozionante e bello e sfrutteremo l’occasione per mettere in mostra le note positive”. La final six si gioca nella Tauron Arena, il più grande impianto del paese e uno dei più moderni del vecchio continente. “La parola d’ordine – continua il ct azzurro- è crescere partita dopo partita. E credo che nella prima fasi della manifestazione ci è riuscito al meglio. Adesso è arrivato il momento di alzare decisamente il nostro livello perché gli avversari e la fase della preparazione lo impongono“.

Per questa avventura il ct Blengini, alla sua prima final six da commissario tecnico, ha convocato quattordici giocatori, tra cui gli alzatori Giannelli e Sottile, i centrali Birarelli, Buti, Cester e Piano, attaccanti Antonov, Juantorena, Lanza e Maruotti, Vettori e Zaytsev mentre liberi Colaci e Rossini. Purtroppo per Rio questa rosa dovrà essere ridotta a soli dodici atleti: chi è a rischio?

La nostra formazione – ricorda il ct azzurro – ha l’opportunità di avere più facce. Anche se durante la World league è spesso stata simile. Questo ci ha permesso di migliorare molto a livello di gioco di squadra. Ora continueremo a lavorare per avere un sempre maggiore numero di situazioni utilizzabili a seconda dell’andamento dei vari match”.

Chicco Blengini spiega “L’estate è tutta organizzata in vista dei Giochi, ma le fasi finali della World league erano uno degli obiettivi. Sappiamo di non essere i favoriti, inseriti nella pool contro la prima e seconda della prima fase. Comunque faremo la nostra parte e vogliamo centrare le semifinale perché è importante giocare partite di un certo livello”.

Come durante la Fase Intercontinentale durante la Final Six verrà utilizzato l’occhio di falco. La casistica delle chiamate è: palla fuori o dentro, palla a contatto con le antenne, fallo a rete, invasione di piede al servizio, fallo in attacco del giocatore di seconda linea (linea dei 3 metri calpestata), tocco a muro, invasione di piede della linea centrale del campo.

Giovedì gli azzurri sfideranno gli Stati Uniti sempre alle ore 17,30 sempre in diretta RaiSport 1: il calendario della fase finale parte quindi oggi con Brasile-Italia e Polonia-Francia (ore 20.30), giovedì sarà il turno di Stati Uniti-Italia (ore 17.30) e Polonia-Serbia (ore 20.30) mentre venerdì in programma il match Serbia-Francia (ore 17.30) e Brasile-Stati Uniti (ore 20.30).

  •   
  •  
  •  
  •