World League, Serbia Campione. Italia quarta.

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui

World League Serbia Campione ItaliaLa Serbia ha vinto la World League di pallavolo battendo il Brasile per 3-0 (25-22, 25-22, 25-21) nella finale giocata alla Tauron Arena di Cracovia. Per i serbi è la prima vittoria in questa competizione, mentre per la Selecao, il cui grande obiettivo di quest’anno è l’Olimpiade che giocherà in casa, è il quarto secondo posto dal 2011 a oggi.

IL TABELLINO UFFICIALE DI SERBIA-BRASILE 3-0

Sfuma invece la medaglia di bronzo per l’Italvolley che è stata battuta 3-0 dalla Francia e ha dovuto così abbandonare le speranze di portare a casa il podio. La prova di oggi non è stata sicuramente delle migliori per gli uomini di Blengini che non hanno quasi mai dato la sensazione di poter contrastare i transalpini. Molte le disattenzioni commesse in un po’ tutti i fondamentali, ma soprattutto in ricezione, fattore che non ha mai permesso lo sviluppo di trame offensive che potessero permette a Birarelli e compagni di potersela giocare realmente alla pari in un match scivolato via senza particolari sussulti tranne che nel primo set, 3-0 il punteggio finale, 25-23, 25-21, 25-20 i parziali. IL TABELLINO UFFICIALE DI FRANCIA-ITALIA

Finisce la World League Serbia Campione Italia quarta, le parole di Blengini

Ci dispiace per come è andata la partita, non siamo stati bravi a gestire i finali del primo e secondo set commettendo degli errori che in partite come queste non ti puoi di certo permettere. Nel terzo poi ci abbiamo provato ma a quel punto la Francia aveva un passo diverso e non siamo comunque riusciti a metterli in difficoltà“. Così il ct dell’Italvolley Gianlorenzo Blengini. “Io credo che comunque il bilancio del torneo sia positivo. Avevamo idee chiare su cosa volevamo ottenere, ma soprattutto sullo stato dei ragazzi che comunque in questa fase hanno giocato molto e allenato un po’ poco, come capita a tutte le squadre che partecipano manifestazioni come la World League“, sottolinea. “Nella Fase Intercontinentale abbiamo giocato con un modulo un po’ diverso dal solito. Nonostante tutto abbiamo ottenuto il pass per la F6 e una volta qui in Polonia ci siamo giocati una semifinale che ci ha permesso di entrare nelle prime quattro. E’ chiaro che una volta arrivati qui avevamo il desiderio di andare a medaglia, ma non sempre è possibile. Ora continueremo a lavorare in vista di Rio dove ci aspettano altre partite difficili e di altissimo livello”, conclude Blengini.

  •   
  •  
  •  
  •