Olimpiadi Rio, confermata la positività al doping di Viktoria Orsi Toth

Pubblicato il autore: stefano bellachioma Segui

Viktoria Orsi Toth positiva all'antidoping

E così anche il beach volley, uno degli sport più praticati nelle spiagge italiane, è entrato nella bufera del doping alle olimpiadi di Rio. Infatti oggi è arrivata la conferma delle analisi antidoping, che costringono la giocatrice Viktoria Orsi Toth, pallavolista ungherese naturalizzata italiana, a rinunciare all’avventura olimpica. Il risultato degli esami ha evidenziato una positività al clostebol, uno steroide anabolizzante molto simile al testosterone.Il controllo antidoping che ha inchiodato l’azzurra è stato fatto il 19 luglio, e l’atleta è stata quindi sospesa dal Tribunale Nazionale Antidoping.

Un brutto colpo per questo sport, che nel nostro paese sta vivendo un periodo di popolarità dovuto sia dall’avvenenza delle atlete che lo praticano, ma anche dalla simpatia e amabilità della disciplina.

In queste ore si deciderà chi sostituirà la Orsi Toth a fianco di Marta Menegatti. La più quotata è Rebecca Becky Perry, anche di origine non italiana (americana in questo caso). Tuttavia, per quanto l’atleta che andrà a sostituire l’italo-ungherese possa essere forte, è una notizia che non rassicura riguardo l’esito finale della coppia azzurra. Infatti in uno sport in cui le squadre sono composte da due giocatrici, l’affiatamento è tutto, quindi non resta che sperare che si crei da subito una forte sintonia

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Sir Safety Conad Perugia, Dragan Travica: 'Modena viene da una sconfitta e sicuramente avrà grande voglia di rivalsa'