Rio 2016, Italia femminile travolta dalla Serbia all’esordio

Pubblicato il autore: Damir Cesarec Segui

italia
Inizia malissimo il cammino olimpico dell’Italia, sconfitta in soli tre set dalla Serbia nella giornata inaugurale. A essere fatale è stato il primo set quando le ragazze di Marco Bonitta, avanti 24-22, hanno regalato il parziale alle avversarie con alcuni errori gratuiti (25-27). Una ricezione traballante che non ha permesso a Orro di variare il gioco e la decisione del coach di non inserire la Gennari proprio per dar man forte in seconda linea hanno poi indirizzato la gara verso la vittoria delle avversarie, le quali si sono concesse il lusso di tenere in panchina una giocatrice come Stevanović.

Per le azzurre il discorso qualificazione ora si complica enormemente dopo l’exploit dell’Olanda di Giovanni Guidetti contro la Cina (3-2). Domani (alle 14.30 ora italiana) Del Core e compagne torneranno in campo nel match contro la Cina. Le vicecampionesse del mondo hanno faticato non poco contro le “orange”, ma le cinesi rimangono comunque una delle favorite per la vittoria finale, e l’Italia dovrà assolutamente cambiare registro se vorrà impensierire lo squadrone di Jenny Lang Ping.

IN CAMPO – Bonitta si affida a Orro in regia, Egonu opposta, Sylla e Del Core schiacciatrici, Guiggi e Chirichella centrali, De Gennaro libero.
Terzić risponde con Ognjenović e Bošković in diagonale, Mihajlović e Nikolić in banda, Rašić e Veljković al centro, Popović libero.

LA GARA – Il primo set si gioca punto a punto con le giovani opposte Egonu e Bošković assolute protagoniste. Sul 22 pari le azzurre piazzano un break che sembra essere decisivo (24-22), ma un errore al servizio di Del Core e un pasticcio tra Sylla e Orro regala la parità (24-24). L’Italia guadagna un altro set-point (25-24), ma la Serbia prima impatta e poi si porta a casa il parziale con un ace di Rašić e un’invasione di Egonu (25-27).

Del Core e compagne accusano il colpo e le avversarie scappano trascinate da Mihajlović e Rašić (0-4). Le azzurre a questo punto iniziano a macinare gioco: Sylla trova l’ace del 7-9, mentre Chirichella riporta la parità con un attacco e un servizio vincente. Ma qui il sestetto di Terzić torna a fare la voce grossa bombardando in ricezione Sylla (12-17). Bonitta cambia la diagonale inserendo Lo Bianco e Centoni ma è troppo tardi perché la Serbia chiude agevolmente 20-25.

Nella terza frazione il sestetto azzurro prova a tenere il passo delle avversarie (3-3), ma i continui problemi in ricezione permettono alla Serbia di portarsi sul +4 (8-12). Le ragazze di Bonitta si svegliano e risalgono fino al 19-20 grazie a un muro di Chirichella. Mihajlović e Nikolić provano l’allungo decisivo ma Egonu non ci sta (22-23). Poi però le serbe sono più ciniche e chiudono 23-25.

HANNO DETTO – Marco Bonitta (ct Italia): “Complimenti alla Serbia. Sono un’ottima squadra e credo che alla fine lotteranno per una medaglia. Abbiamo disputato una brutta partita però sappiamo che possiamo migliorare e alzare il livello del nostro gioco. La Serbia ha giocato meglio nei momenti importanti.”

Antonella Del Core (capitano Italia): “La Serbia ha giocato benissimo. Abbiamo commesso troppi errori ed eravamo troppo incostanti in fase offensiva. Dobbiamo migliorare e lo faremo.”  

TABELLINO
Italia – Serbia 0-3 (25-27, 20-25, 23-25)
ITALIA: Chirichella 8, Egonu 19, Sylla 9, Guiggi 3, Orro, Del Core 8, De Gennaro (L). N.e. Centoni 1, Lo Bianco, Danesi, Non entrate:  Gennari, Ortolani. All. Marco Bonitta.
SERBIA: Nikolić 1, Rašić 11, Ognjenović 1, Mihajlović 21, Veljković 6, Bošković 20, Popović (L), Brakočević, Živković, N.e. Buša, Malešević, Stevanović. All. Zoran Terzić.

RISULTATI 1a GIORNATA
GIRONE A

Brasile – Camerun 3-0 (25-14, 25-21, 25-13)
Giappone – Sud Corea 1-3 (25-19, 15-25, 17-25, 21-25)
Russia – Argentina 3-0 (25-13, 25-10, 25-16)

GIRONE B
Cina – Olanda 2-3 (23-25, 25-21, 25-18, 22-25, 13-15)
Serbia – Italia 3-0 (27-25, 25-20, 25-23)
Stati Uniti – Porto Rico 3-0 (25-17, 25-22, 25-17)

  •   
  •  
  •  
  •