Rio2016: Tra poco la finale Italia-Brasile alle ore 18.15 su Rai2

Pubblicato il autore: Arianna Salpietro Segui

163223388-6c4ffe24-1eee-47cb-a964-bd898fc0c0b9
Tra poco la finale più attesa di Rio, quella tra Italia-Brasile, i finalisti torneranno sul campo del Maracanazinho per contendersi il meritato oro olimpico: l’appuntamento è lo stesso di dodici anni fa, nelle olimpiadi di Atene 2004, in cui l’Italia di Montali mancò l’oro, ma questa è una finale tutta nuova.
Tutta l’Italia è pronta a tifare per gli azzurri di coach Blengini contro i padroni di casa alle ore 18.15 su Rai2 .
Blengini E’ molto bello giocare contro il Brasile in casa sua, è bellissimo, emozionante ed eccitante. Devo ammettere che la torcida non ci spaventa, anzi, esalta anche noi. Per i ragazzi è uno stimolo in più, non è un qualcosa che stanno vivendo con angoscia“.
In questi giochi olimpici gli azzurri hanno vinto tutte le gare che contavano, anche quella contro i verdeoro nella prima fase. Ad oggi, sono in totale 62 i precedenti di Italia-Brasile, con l’Italia che vanta una percentuale di successo del 40%, ha ottenuto 25 successi, mentre sono 37 quelli verdeoro, 107 set inflitti, 141 quelli subiti.

L’ultimo precedente risale, appunto, alla sfida nella Pool di qualificazione, nella gara gli azzurri si imposero 3-1 contro i padroni di casa. “Il Brasile ci teme dopo la sconfitta della Pool di qualificazione, gli abbiamo minato qualche sicurezza”. Questo uno dei pensieri di Emanuele Birarelli espresso alla vigilia della finale olimpica azzurra. “La finale Olimpica? Il nome dell’appuntamento dice tutto, ma non è il traguardo finale. Dobbiamo dare tutto come abbiamo fatto in queste partite”. Continua il capitano azzurro Credo la partita che tutti si aspettavano, perlomeno il Brasile in finale. Noi siamo un po’ un outsider. Sapevo però che per vincere l’Olimpiade di Rio bisognava passare dal Brasile, la squadra di casa è favorita. Ce la giocheremo con tutte le nostre armi. Portiamo rispetto per tutti, ma non abbiamo paura di nessuno“.

L’Italia arriva da una vittoria contro la squadra a stelle e strisce per 3-2 (30-28 26-28 9-25 25-22 15-9) conquistata solo al tie break in una semifinale per cuori forti, fatte di attese  e difficoltà; mentre, i brasiliani tornano da una vittoria netta contro la Russia per 3-0 (25-21 25-20 25-17).
Il giovane palleggiatore Simone Giannelli della squadra azzurra dopo la partita dichiara “Oggi è stato qualcosa di eccezionale, soprattutto dopo il terzo set, dove ne abbiamo fatte di tutti i colori, eravamo in ‘banana’. Però poi siamo rimasti attaccati all’avversario punto a punto, era una semifinale olimpica non potevamo lasciarla andare così, avremmo avuto rimpianti per tutta la vita, ci siamo detti proviamoci fino in fondo, poi ‘Ivo’ (Ivan Zaytsev, ndr) è stato bravo con quelle tre bombe al servizio. Ma è stato un risultato del gioco di squadra, di squadra ci siamo aiutati, di squadra abbiamo sofferto e ne siamo usciti. E’ stato fantastico” continua “Non vogliamo mollare, sappiamo che è una finale olimpica, sarà dura, avremo tensione, avvertiremo sensazioni ma come noi le avrà anche l’avversario”.
L’Italia di Blengini, che in poco tempo è riuscito a portare la sua squadra azzurra in finale, vanta una “squadra fenomenale” a detta del capitano Birarelli, dall’alto della sua esperienza e bravura, in cui tutti danno il massimo in campo, da Giannelli a Lanza, da Colaci, difensore e ricettore di livello assoluto, a Juantorena, Buti e Zaytsev; non manca l’esperienza di Sottile, danno il loro contributo anche Vettori, Antonov, Piano e Rossini. 
Filippo Lanza
, uno dei protagonisti fondamentali di Rio2016 afferma che“Il sogno? Lo stiamo vivendo e credo che a prescindere da come andrà ci risveglieremo solamente quando saremo tornati in Italia”.

  •   
  •  
  •  
  •