Alessano, testa alla vittoria con la nuova mental coach

Pubblicato il autore: Livio Addabbo Segui

alessano mattioni
Alessano sa che le vittorie prima ancora che sul campo si costruiscono nella testa. E’ per questo che la squadra salentina ha deciso di affiancare allo staff tecnico la sport mental coach Alessandra Mattioni. La scelta di affidarsi alla dottoressa Mattioni, professionista certificata dalla Nlp Italy Coaching School e riconosciuta dall’Associazione Professionale Nazionale del Coaching, che garantirà al cento per cento l’amalgama tra atleti, staff tecnico e dirigenti in vista della nuova stagione, la terza nel campionato di serie A2 Unipolsai.
Conosciuta anche all’estero nel suo ambiente, la dottoressa Mattioni possiede un bagaglio di specifici percorsi formativi e di coaching pensati per squadre, staff tecnici, coach e atleti. A servirsi della consulenza e del coaching di Alessandra Mattioni sono in molti, compresi atleti olimpionici e di levatura internazionale come la schiacciatrice della nazionale azzurra Lucia Bosetti e le promesse dell’under 20 Elena Monini e Elisa Zanette. La dottoressa Mattioni ha, inoltre, al suo attivo corsi di formazione per il Coni, il Centro Sportivo Italiano, e la FIPAV. A margine della prima lezione tenuta al Palasport di Tricase, la dottoressa Mattioni ha commentato così il suo approdo nella squadra salentina: «Sono entusiasta di iniziare questa nuova avventura con l’Alessano e sono sicura che la squadra, i tecnici e i dirigenti troveranno un notevole beneficio da questo percorso. Dato che l’allenamento mentale per lo sport è un processo mediante il quale si incrementa la cooperazione mente-corpo, si può favorire la massima espressione delle capacità fisiche, tecniche e tattiche di ciascun atleta. Lo scopo dell’allenamento mentale da me praticato è quello di liberare l’atleta dalle interferenze mentali che frenano la piena espressione del suo potenziale genetico e delle sue capacità tecniche, esaltandone la motivazione». Parole che suonano come musica per i dirigenti dell’Alessano, una squadra giovane che ha la necessità di far rendere al massimo i suoi talenti dal potenziale ancora inespresso.
L’importanza del contributo della dottoressa Mattioni è sottolineato anche da mister Mastrangelo: «E’ la prima volta che una squadra che alleno si affida ad una mental coach, anche se in passato mi sono interessato per motivi personali a questo tipo di tecnica. Ho ritenuto importante, sia per la squadra sia per lo staff tecnico, curare anche questo aspetto, perché sono convinto che ci possa dare una mano per trovare la soluzione di alcune problematiche dal punto di vista mentale, visto che l’anno scorso nella squadra è emerso tale problema; e poi il mental coach è ormai una figura che affianca atleti di caratura nazionale e mondiale. Quindi ben venga il prezioso contributo di questa figura professionale che sicuramente apporterà dei miglioramenti nelle relazioni tra i componenti della squadra e di conseguenza, si spera, anche nel gioco». L’Alessano quest’anno fa sul serio, ci sono da evitare quei cali di tensione che nei momenti clou della stagione scorsa hanno minato la continuità di rendimento dei ragazzi. Su indicazione di coach Mastrangelo, la società biancoazzurra ha preso nota e ha provveduto a limare quei dettagli che a fine stagione possono davvero fare la differenza, soprattutto a livello mentale.

Leggi anche:  Sir Safety Conad Perugia, Dragan Travica: 'Modena viene da una sconfitta e sicuramente avrà grande voglia di rivalsa'
  •   
  •  
  •  
  •