Caterina Bosetti: “Mia sorella Lucia, Diouf, Arrighetti, ma anche le palleggiatrici come Ferretti mancano alla nazionale…”

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

caterina bosettiIl ritorno in nazionale per Caterina Bosetti non poteva che essere più inaspettato, dopo il deludente settimo posto agli ultimi europei e la mancata convocazione per le qualificazioni e il torneo olimpico:

“Cristiano Lucchi mi ha chiamato prima dei Giochi per avvisarmi della convocazione. Sinceramente non pensavo nemmeno ci fosse la qualificazione all’Europeo” (Intervista riportata da gazzetta.it).

Ritorno in azzurro senza dubbio gradito, non solo da Caterina ma anche da tutti gli amanti del volley che hanno visto la schiacciatrice annientare a suon di colpi l’Ucraina agganciando la qualificazione agli europei con 6 vittorie di fila:

“Ci voleva un’estate così per riprendermi. Certo, mi è dispiaciuto non essere ai Giochi ma ho potuto staccare la spina dopo una stagione non facile a Novara dove non mi sono trovata bene con l’allenatore (Marco Fenoglio) che è subentrato a Luciano Pedullà. Avevo perso la voglia di andare in palestra ad allenarmi”. (Intervista riportata da gazzetta.it).

11 punti con l’Austria, 15 con la Lettonia e 16 con l’Ucraina per una qualificazione mantenuta sempre in tasca dalle ragazze di Lucchi che forse dovrebbe essere preso in considerazione per la nazionale e non soltanto ad interim. Vero che le squadre affrontate non sono di primo rango ma vederlo agli europei sarebbe comunque la giusta gratificazione per chi ha rimesso ordine dai cocci lasciati alle olimpiadi.

Caterina Bosetti: “All’Europeo 2015 non siamo arrivate in forma ottimale”

Sogna ora il riscatto Caterina Bosetti, che spiega come agli europei del 2015 non si sia giunti in condizioni ottimali:

“All’Europeo 2015 non siamo arrivate in forma ottimale, non abbiamo trovato la giusta continuità in palestra. Poi un po’ per i problemi fisici che ho avuto quest’anno un po’ per il mio rapporto non ottimale con Bonitta non sono più rientrata nei piani”.

Ultima nota riguarda Valentina Diouf e altre amiche storiche di Caterina Bosetti, che secondo la schiacciatrice azzurra potranno fare seriamente comodo alla nazionale:

“Mia sorella Lucia, Diouf, Arrighetti, ma anche le palleggiatrici come Ferretti per esempio. Queste sono tutte giocatrici che probabilmente andranno riconsiderate per il nuovo corso per creare quel giusto mix tra giovani e più esperte in grado di evitare qui black out che anche in queste qualificazioni arrivavano”.

  •   
  •  
  •  
  •