Volley, il traghettatore Lucchi riparte dalle giovani e lascia a casa la Diouf

Pubblicato il autore: Damir Cesarec Segui

lucchi
Dopo la fallimentare spedizione alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, la nazionale di volley femminile è tornata a sudare in vista dei tornei di qualificazione agli Europei 2017. Dopo l’addio di Marco Bonitta, ora direttore generale della CMC Ravenna maschile, il compito di portare la squadra azzurra alla rassegna continentale è stato affidato al suo vice Cristiano Lucchi. Quello di Lucchi sarà solamente un incarico ad interim dato che dopo le qualificazioni lascerà spazio a Davide Mazzanti. L’attuale tecnico dell’Imoco Conegliano avrà quindi l’arduo compito di ricostruire una nazionale uscita con le ossa rotte dalla trasferta a cinque cerchi. Sarà inoltre interessante scoprire se a fine stagione Mazzanti lascerà la società campione d’Italia per prendere a tempo pieno le redini della nazionale visto che il presidente federale Carlo Magri è particolarmente contrario al doppio incarico.

Nel frattempo il traghettatore Lucchi ha radunato al Centro Pavesi di Milano un gruppo con molte giovani. L’Italia è inserita nel girone assieme a Ucraina, Austria e Lettonia. Un raggruppamento che rappresenta poco più che una formalità anche per una squadra molto rinnovata rispetto a Rio. Una volta raggiunta la qualificazione alla rassegna che si terrà tra un anno in Georgia e Azerbaigian, Lucchi tornerà a sedersi sulla panchina del Club Italia per iniziare una nuova avventura in Serie A1.

“Gruppo nuovo, progetto nuovo”, queste le parole del ct ad interim ai microfoni di sportface.it. “Bisogna voltare pagina. Le ragazze le ho trovate bene, con gli occhi e la voglia giusti. Insieme alle sei reduci di Rio ci sono ragazze nuove con cui ho lavorato a Roma la scorsa settimana e che hanno portato nuova energia. In palestra c’è voglia di lavorare e di tornare in forma, soprattutto mentalmente. C’è voglia di rivalsa. Ho trovato un gruppo vivo. Dovremo remare tutti insieme, con individualità importanti e nomi d’esperienza che ho voluto inserire per fare da guida.” 

La novità più grande riguarda i gradi di capitano: “Valentina Tirozzi e Monica De Gennaro saranno i due punti cardine. Saranno i due capitani. Poi ci saranno i ritorni di Anastasia Guerra, Raphaela Folie, il rimettersi in gioco di Caterina Bosetti. Ho voluto anche il libero Beatrice Parrocchiale in prospettiva futura. La stessa Anna Nicoletti opposta che quest’anno sarà titolare a Monza…”

Non ci sarà invece Valentina Diouf: “Ho fatto una lunga chiacchierata con Valentina dopo il fattaccio prima di Rio. Lei mi ha detto che in questo momento preferiva staccarsi dalla nazionale, non se la sentiva di tornare per una terza volta dopo l’esclusione di Tokyo e quella di Rio. Mi ha chiesto di sua spontanea volontà di non esserci chiedendomi anche scusa dopo che tempo fa mi aveva dato la disponibilità. Ora lei si deve rimettere in gioco. Poi non spetta a me valutare questa situazione. Dopo l’esclusione mi ha detto ‘sono sotto un treno, devo staccare la testa, devo riprendere a lavorare con Busto’.
La vicenda Diouf è andata così… Bisogna andare avanti. Ho pensato a Nicoletti, opposto giovane da valorizzare e avvicinare alla nazionale, per far capire alle giocatrici che sono osservate e che devono avere come obiettivo quello di puntare alla nazionale.”

Il rapporto Club Italia-Nazionale: “Il Club Italia deve essere una costola della nazionale. Idea ottima. E’ un progetto che proseguirà anche quest’anno. L’obiettivo è quello di creare giocatrici per la A1 e la nazionale. Ho l’incarico di lavorare per la qualificazione agli Europei e sono grato di questo alla Fipav. Poi proseguirò il mio lavoro con il Club Italia.”

Il rapporto con Bonitta: “Mi sono sentito con Marco dopo i Giochi. Lo sentirò ancora, per consigli…”


LE CONVOCATE

Palleggiatrici: Alessia Orro (Club Italia), Ofelia Malinov (Conegliano)

Opposte: Paola Egonu (Club Italia), Anna Nicoletti (Monza)

Schiacciatrici: Caterina Bosetti (Modena), Miriam Sylla (Bergamo), Valentina Tirozzi e Anastasia Guerra (Casalmaggiore)

Centrali: Cristina Chirichella e Sara Bonifacio (Novara), Anna Danesi e Raphaela Folie (Conegliano)

Liberi: Monica De Gennaro (Conegliano), Beatrice Parrocchiale (Firenze)

  •   
  •  
  •  
  •