Volley, Supercoppa Italiana: CUCINE LUBE CIVITANOVA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 1-3 (22-25, 25-21, 29-31, 19-25)

Pubblicato il autore: Luca Ludovici Segui

Supercoppa 2016 Volley

La prima semifinalista della Supercoppa Italiana 2016 è Perugia, che ha battuto in scioltezza Civitanova Marche in 4 set. Zaytsev e Kaliberda sugli scudi. Queste le reazioni dei protagonisti:
Marko Podrascanin (Sir Safety Conad Perugia)- « È stata una bella partita ed una bella vittoria per noi con il finale del terzo set decisivo per l’economia del match perché poi Civitanova nel quarto è un po’ calata. Siamo in crescita ed ora ci concentriamo per la finale di domani perché vogliamo portare a casa il primo trofeo per la società e per i nostri tifosi ».

 Federico Tosi (Sir Safety Conad Perugia)- « Superato un primo importantissimo step in questa Supercoppa. È stata una gara difficile, loro non hanno mai mollato tranne nell’ultimo set. Noi siamo stati bravissimi nel terzo, un parziale che ci ha dato sicurezza. Però non festeggiamo niente. Abbiamo vinto una partita importante che ci permette di affrontare la Finale della Supercoppa, la partita che conta. Una grande emozione vedere tanti tifosi qui a Modena ».

Gianlorenzo Blengini (Allenatore Lube Cucine Civitanova)- « In questa fase della stagione tutte le squadre sono al lavoro per sistemare i vari problemi di ossatura ed amalgama, inoltre noi avevamo alcune defezioni. Dobbiamo riuscire a stare attaccati ai nostri avversari, senza mollare, resistendo. Una difficoltà a cui bisogna abituarsi, lavoreremo per questo: solo le partite ti fanno crescere sotto questo aspetto. C’è ovviamente rammarico per la sconfitta di oggi, è evidente: peccato per il terzo set, deciso da un episodio come spesso capita quando si va ai vantaggi. C’è stata anche confusione in alcuni palloni nel finale, in entrambe le squadre, ma ripeto che questi sono aspetti che fanno parte di questa fase di inizio stagione. Peccato, se fosse capitata una situazione favorevole a noi il risultato di quel parziale sarebbe stato il contrario ».

Antonio Corvetta (Lube Cucine Civitanova) « Giocare contro Perugia punto a punto è quello che ci aspettavamo. Dopo il terzo set, abbiamo fatto fatica in avvio di quarto parziale nella rotazione di posto uno: lì non siamo riusciti a colmare il gap. Un peccato, perché è stata una partita equilibrata e giocata abbastanza bene pur essendo ad inizio stagione. Credo che dal punto di vista tecnico la nostra forza in attacco e al centro sia un dato positivo da segnare, mentre dobbiamo trovare più continuità in cambio palla. Comunque, per il livello espresso in gran parte della partita, è stata una buona gara. Domani ci attende una sfida di altissimo livello con Trento, e sarà un’ulteriore occasione per crescere ».

Dragan Stankovic (Lube Cucine Civitanova)- « Perdere è sempre brutto, ma abbiamo giocato secondo me abbastanza bene per essere la prima uscita stagionale, specialmente nei primi tre set. Nel quarto parziale, invece, abbiamo un po’ mollato all’inizio e gli avversari sono scappati. Con tutti i problemi avuti in questo avvio di stagione, posso dire che si sono visti anche lati positivi oggi, e domani possiamo rifarci nella finale per il terzo posto per chiudere con una vittoria questa Final Four di Supercoppa. Dobbiamo sicuramente lavorare ancora molto, per restare in partita anche quando le cose vanno male, uniti senza mollare come invece successo nel quarto set stasera ».

IL TABELLINO

Leggi anche:  VNL 2021, non bastano i 28 punti di Nwakalor, l'Italia pallavolo femminile ko contro l'Olanda al quinto

CUCINE LUBE CIVITANOVA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 1-3 (22-25, 25-21, 29-31, 19-25)

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 14, Candellaro 5, Pesaresi, Kaliberda 4, Juantorena 18, Casadei 2, Stankovic 9, Jaumel, Cester 3, Grebennikov (L), Corvetta 1, Cebulj 8. Non entrati Randazzo. All. Blengini.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Russell 14, Zaytsev 21, Della Lunga, Mitic, Berger 11, De Cecco, Bari (L), Birarelli 9, Podrascanin 12. Non entrati Buti, Tosi, Chernokozhev, Franceschini, Atanasijevic. All. Kovac. ARBITRI: Simbari, Pasquali.

NOTE – Spettatori 4530, durata set: 24′, 23′, 38′, 27′; tot: 112′.

 

  •   
  •  
  •  
  •