Scroll to Top

Perugia, Sirci vs Kovac, il Presidente sbotta, ma il tecnico non ci sta

Pubblicato il autore: Nunzio Corrasco Segui

Perugia, Sirci Kovac: scambio acceso di battute tra Presidente e allenatore. Nel frattempo la squadra si prepara ad affrontare tre sfide davvero complicate.

Perugia Sirci Kovac

Perugia Sirci Kovac

Non c’è pace in casa Sir Safety Perugia: sono bastate infatti due vittorie sofferte, ottenute al tie-break, per mandare su tutte le furie il Presidente Gino Sirci, provocando la piccata risposta di Boban Kovac, allenatore di Perugia.
Dopo le vittorie contro Ravenna e Vibo Valentia infatti, il numero uno del club aveva sottolineato il fatto che se la squadra avesse continuato a ripetere le prestazioni offerte nelle ultime partite, nel durissimo trittico con Trento, Modena e Civitanova, avrebbe collezionato solamente delle sconfitte.

Di fronte a queste dichiarazioni però l’allenatore di Perugia è voluto intervenire e, come riportato da “La Gazzetta dello Sport“, ha dichiarato: “Non sono d’accordo con il nostro presidente nel ritenere che giocando come a Vibo Valentia perderemo le prossime tre gare, visto che domenica comunque abbiamo vinto un set lasciando agli avversari solo 13 punti, un altro con 19 punti e poi nel tie break abbiamo giocato molto bene, chiudendolo 15-9. Nel campionato italiano comunque non è mai facile vincere e noi lo abbiamo fatto in cinque gare di fila. Diciamo piuttosto che noi dobbiamo crescere nel fatto che dobbiamo evitare quelle pause che abbiamo, con la squadra che praticamente in certe fasi della gara si ferma e smette di giocare”.

Dunque è arrivata una decisa presa di posizione da parte di Kovac, a difesa della sua squadra. L’allenatore di Perugia ha poi parlato di tanti altri temi, tra i quali le difficoltà incontrate dalla sua squadra, dovute alle tante aspettative. Ecco le sue parole riportate sempre dalla rosea: Ci stiamo accorgendo che in tutta Italia vogliono vedere da vicino Zaytsev dopo quello che ha fatto alle Olimpiadi ed allora ci troviamo a giocare non solo in palasport gremiti, ma affrontiamo squadre che contro di noi danno anche oltre il loro massimo. L’esempio è stato quello di Vibo Valentia, che domenica ha offerto una grande prova, cosa che invece non aveva fatto a Trento. Sulla nostra squadra ci sono tantissime pressioni e questo non ci agevola. Anche se dobbiamo imparare a convivere con questa situazione perché sappiamo di essere forti e non ci nascondiamo perché noi stessi sappiamo che vogliamo vincere”
Kovac poi si sofferma a parlare dell’assenza di Atanasijevic e dell’impatto che potrà avere sulla squadra nel momento in cui tornerà a disposizione: “Non so quando potrà tornare disponibile, perché aspetto che lo staff medico dia l’ok. A Vibo Valentia ha fatto quasi l’intero riscaldamento e questo mi fa pensare che presto lo rivedremo in campo. Quando lo riavremo in squadra poi dovremo riportarlo in forma senza mettergli pressioni. Ma sappiamo già che con il suo ritorno avremo all’inizio delle difficoltà dovute al fatto che dovremo cambiare gioco, con Zaytsev che verrà spostato di ruolo e quindi avremo bisogno di trovare dei nuovi equilibri. Ci aspettiamo che in battuta verranno sistematicamente messi sotto pressione lo stesso Zaytsev e Russell, ma siamo pronti anche a questo e siamo più che mai convinti della nostra forza”.
  •   
  •  
  •  
  •