Superlega, a Molfetta Jimenez promette spettacolo

Pubblicato il autore: Livio Addabbo Segui

molfetta jimenezNuovo acquisto per l’Exprivia: arriva a Molfetta Jimenez. Lo schiacciatore cubano Javier Jimenez, che nella giornata di ieri era già in campo nella partita vinta sul campo di Vibo Valentia, è stato ufficialmente presentato in conferenza stampa.
Curiosità attorno al nuovo acquisto dell’Exprivia: grandi doti in attacco e in battuta, Jimenez brilla per grinta ed energia, al punto da essere famoso anche per le esultanze trascinanti.
Javier, che ha capitanato la selezione cubana agli ultimi Giochi Olimpici di Rio, ha disputato le ultime due stagioni al Paok Salonicco, squadra con la quale si è imposto ai massimi livelli in Grecia. Poi i contatti serrati tra la società molfettese e la federazione cubana, fino allo storico via libera. Jimenez è il primo nazionale cubano a firmare un contratto con una squadra di volley italiana in accordo con la sua federazione.
Ne è consapevole il vicepresidente del Molfetta Ezio Mazzola che dice: “Abbiamo cambiato la storia della pallavolo italiana. Si è aperto un canale straordinario con Cuba, sicuramente una delle fucine di talenti maggiori nel mondo”. “Per noi Jimenez rappresenta un’ottima opportunità, un giocatore che ci sarà sicuramente molto utile e che, con le sue qualità, potrà darci nuove soluzioni offensive” aveva dichiarato il direttore sportivo De Nicolo. Una trattativa lunga un’estate intera conclusa felicemente con l’ok di Cuba, per la gioia della società e dei tifosi. “Ringrazio chi – ha detto ancora Mazzola – ha creduto in questa trattativa. Sono sicuro che Javier ci darà una grossa mano e sono contentissimo del canale privilegiato che Molfetta ha instaurato con la federazione cubana”.
A prendere la parola è poi Javier che sorride e attende di ripagare sul campo l’attesa dei tifosi. E non si può dire che a Vibo lo schiacciatore non abbia già offerto un primo saggio delle sue qualità di attaccante infallibile. “Sono gioioso – ha detto Jimenez – di essere il primo giocatore cubano ad essere arrivato regolarmente in Italia. Sono convinto di poter crescere e poter imparare tanto nel campionato italiano. Sono contento della prima vittoria ottenuta dalla squadra. Non mi aspettavo tanto calore da parte dei tifosi, sia ieri, sia all’aeroporto. Il calore della gente sarà una spinta per fare sempre meglio”.
L’inserimento è stato reso più facile dal compagno Hierrezuelo. Lui e Jimenez sono accomunati dalla stessa nazionalità, da una forte personalità e con identiche movenze studiate per accendere il PalaPoli quando si vince: un autentico passaggio di testimone. “Raydel – prosegue Jimenez – mi ha parlato molto bene di Molfetta, della città, dell’ambiente e del calore dei tifosi”. E mercoledì sera (prima battuta ore 20.30) ci sarà anche il match per eccellenza per i cubani, ben quattro in campo: il Molfetta giocherà contro la LPR Piacenza di Hierrezuelo, Hernandez e Marshall. Jimenez indosserà per la prima volta la maglia numero 4 biancorossa in casa. “Tutto il mondo – conclude – conosce il livello della pallavolo italiana. Mi aspetto il calore della gente, un po’ come succede a Cuba. Spero di vedere mercoledì il palazzetto pieno e gremito. Lotterò su ogni palla per ottenere una vittoria contro un’ottima squadra come Piacenza”.
Bienvenido Jimenez, il Molfetta per i cubani è di casa.

  •   
  •  
  •  
  •