Volley donne, alla scoperta della Serie A1: Liu-Jo Nordmeccanica Modena

Pubblicato il autore: Damir Cesarec Segui

modena
Dopo le infinite polemiche di inizio estate in merito alla fusione tra Piacenza e Modena, sotto la Ghirlandina si è finalmente tornato a parlare di volley. E con grandi ambizioni dal momento che la tanto discussa fusione ha portato quegli introiti indispensabili per costruire una squadra capace di arrivare in fondo in tutte le competizioni. Al meglio di Piacenza (Marcon, Belien, Leonardi) e Modena (Ferretti, Heyrman) si sono aggiunti due pezzi da novanta come Brakočević e Ozsoy, mentre la guida tecnica è stata affidata a Lorenzo Micelli, che torna in Italia dopo la doppietta in Champions League nel biennio 2009/10 sulla panchina di Bergamo. Inutile nascondersi: Modena vuole vincere.

SESTETTO
Ferretti (P) – Brakočević (O)
Ozsoy (S) – Marcon (S)
Heyrman (C) – Belien (C)
Leonardi (L)

La diagonale è una delle più forti del campionato: anche se spesso ingiustamente sottovalutata, Ferretti è una regista di assoluto valore, mentre Brakočević torna in Italia motivatissima dopo la maternità e l’argento olimpico conquistato a Rio. In posto 4 la coppia Ozsoy-Marcon offre il giusto equilibrio: la turca è una macchina da punti, mentre l’ex capitana di Busto ha percentuali da libero in ricezione. Al centro Heyrman e Belien, elementi inamovibili con le maglie rispettivamente di Belgio e Olanda, rappresentano un duo estremamente talentuoso con ancora ampi margini di miglioramento. In seconda linea Leonardi è uno dei liberi più completi in assoluto, in difesa forse anche la più forte al mondo. E dopo aver riconquistato la maglia azzurra è pronta a tenersela stretta con una stagione da protagonista. La rosa ampia permetterà a coach Micelli inoltre di pescare in panchina dove c’è una certa Caterina Bosetti, e quando puoi permetterti di tenere in panca una giocatrice del genere è chiaro che non puoi nasconderti.

Leggi anche:  VNL 2021, non bastano i 28 punti di Nwakalor, l'Italia pallavolo femminile ko contro l'Olanda al quinto

OBIETTIVI
Attenzione: i guai fisici di Ferretti hanno costretto la società a tornare sul mercato, con l’arrivo dell’americana Kreklow che ha suscitato non poche perplessità. Nessuno mette in dubbio le sue qualità, ma il suo alto ingaggio e il fatto di non poter essere schierata nel sestetto ideale perché il regolamento non consente più di quattro straniere contemporaneamente in campo saranno un bel grattacapo per coach Micelli, il quale evidentemente dovrà inventarsi qualcosa per la prima parte di stagione. Ad ogni modo Modena vuole alzare almeno un trofeo, che sia scudetto o Coppa Italia poco importa. Quello che conta è vincere. Non sarà facile poiché Conegliano e Casalmaggiore sono allo stesso livello, però Modena può contare su un sestetto perfettamente bilanciato: il collaudato sistema di ricezione a due permetterà a Ferretti di variare il gioco sfruttando al massimo il gioco al centro e soprattutto Ozsoy e Brakočević, la coppia di attaccanti più forte del campionato. E poi c’è la Champions dove l’obiettivo è quello di fare quanta più strada. L’Europa inevitabilmente toglierà qualche energia, ma questa squadra è stata costruita per vincere.

Leggi anche:  VNL 2021, non bastano i 28 punti di Nwakalor, l'Italia pallavolo femminile ko contro l'Olanda al quinto

ROSA
Palleggiatrici: Francesca Ferretti, Molly Kreklow, Alessandra Petrucci
Opposte: Jovana Brakočević, Marika Bianchini
Schiacciatrici: Neriman Ozsoy, Francesca Marcon, Caterina Bosetti, Federica Valeriano
Centrali: Laura Heyrman, Yvon Belien, Ilaria Garzaro
Libero: Giulia Leonardi
Allenatore: Lorenzo Micelli

  •   
  •  
  •  
  •