Volley, Superlega: Perugia batte Ravenna 3-2

Pubblicato il autore: valerio vitali Segui

perugia volley
Perugia, dopo una soffertissima vittoria si aggiudica per 3-2 la vittoria ai danni di un’ottima Ravenna

Che non fosse una partita facile per Perugia lo si era anche detto prima del match, ma nessuno poteva immaginare così complicata per Zaytsev e compagni. Il tabellino finale, che fissa il punteggio finale sul 3-2 è lo specchio più vero di quello che è stato questo match.

I PRIMI DUE SET – Soprattutto nel primo set l’andamento della gara è stato molto più propenso a far pensare ad una vittoria agevole per i padroni di casa. Grazie agli ottimi servizi di Zaytsev sul finire del set, in molti al “Palaevangelisti” si sono illusi di poter portare a casa una vittoria agevole.
Nelle prime due frazioni di gara infatti, gli umbri hanno dimostrato carattere e solo in rare occasioni il muro degli avversari ha potuto qualcosa.
Primo set che termina quindi 25-22 per i “Block black”.
Il secondo set inizia così come è terminato il primo, con un’intensità di gara molto elevata, ma con Perugia a dominare la maggior parte delle palle. Il trend però si blocca presto grazie alla grinta che Ravenna ha messo in campo: dal 7-7 fino alla fine del secondo tempo tutto è rimasto in equilibrio. Decisivi per le sorti del set sono state naturalmente le schiacciate dello “zar”, che insieme al suo compagno di nazionale Birarelli si dimostra super efficace anche a muro, portando a casa quei due – tre punti che vogliono dire “allungo” sugli avversari.
Anche il secondo set termina dunque in modo favorevole per i bianconeri, che chiudono con lo stesso punteggio del primo set.

Leggi anche:  Dove vedere Friedrichshafen-Trentino Volley, streaming gratis e diretta tv in chiaro

TERZO E QUARTO SET – Grande protagonista, ma in negativo, nel terzo set è stato Russel. Sbaglia molto e sia in battuta che in copertura si vede che va in affanno subito. Non riesce a contrastare molto spesso gli attacchi avversari a muro e nella maggior parte delle occasioni è sempre il solito Zaytsev a metterci una pezza, soprattutto nei primissimi momenti. Ravenna nel terzo set non subisce la pressione psicologica del punteggio sul tabellino luminoso del palazzetto e prosegue la sua gara e lo fa in maniera accorta, lottando punto su punto, erigendo un muro efficace che in molte occasioni stoppa anche le schiacciate dello zar.
Si arriva così al 24-21 per gli ospiti, ma è proprio Russel a regalare il definitivo punto a Ravenna grazie ad una “pipe” sbagliata in battuta. Adesso la pressioni di Ravenna sale, così come le loro speranze di ribaltare le sorti del match.

Leggi anche:  Volley Champions Maschile: diretta streaming Trentino vs Lokomotiv Novosibirsk 1/12/2020

Nel quarto tempo infatti, i romagnoli ci credono molto e sull’onda dell’entusiasmo non scendono mai sotto il +4 da Perugia. Gara perfetta dei ravennati, che prima si portano addirittura sul +7 dai loro avversari e poi chiudono il set sul 25-14. Un vero e proprio disastro per i padroni di casa, che sospinti dal pubblico cercano di riaccendere gli animi.

QUINTO SET – Set molto più equilibrato, che segue l’andamento dei primi tre, con Perugia che vuole rifarsi dello sgarbo subito, soprattutto nel quarto set. Protagonista, in bene e in male per Ravenna è stato Lyinell, che in due occasioni commette infrazione, ma in altri due momenti si rende protagonista con due schiacciate da urlo, che permettono alla propria squadra di mantenere il punteggio in parità, fino a quando si arriva sul 14-14.
Nel momento finale del set anche Zaytsev sbaglia e molto. Regala agli avversari due punti, ma Ravenna li spreca immediatamente dopo, portando la gara sul 18-16 per Perugia.

Leggi anche:  Sir Safety Conad Perugia, Dragan Travica: 'Modena viene da una sconfitta e sicuramente avrà grande voglia di rivalsa'

Quanta sofferenza in questo posticipo. Gli umbri perdono comunque il primato in campionato, a favore di Civitanova, che in questo primo scorcio di stagione pare più forte dei perugini, non tanto per le gambe, quanto per un discorso di testa e alla fine, come in ogni sport, questo è l’aspetto fondamentale per portare a casa la vittoria finale

  •   
  •  
  •  
  •