Pallavolo: La Trentino Volley sconfitta per 3-2 a Modena

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui
dhl-modena-volley-trento-campionato-23
La Diatec Trentino lotta fino al tie-break prima di cedere per 3-2 (ecco i punteggi: 25-15, 18-25, 25-20, 23-25 e per finire 15-8) all’Azimut Modena il 64° derby dell’Adige nell’undicesima giornata di regular-season di SuperLega.

Il punto strappato di fronte a più di 5.000 spettatori del PalaPanini non permette di conservare il primato in classifica, passato di nuovo ora alla Lube, ma torna comunque importante per fermare il tentativo di aggancio degli stessi campioni d’Italia che, a sole due giornate dal termine del girone d’andata, rimangono avanti di due lunghezze. La squadra dell’ex Lorenzetti si è poi trovata a dover rincorrere due volte gli avversari, prima di lasciare loro spazio in un tie break a senso unico. Dopo aver perso in modo netto il primo parziale, Lanza e compagni hanno iniziato a giocare la consueta pallavolo, mostrando sia nel secondo set sia nel quarto periodo una reazione da grandissima squadra, caratterizzata da un muro al quanto attento (a segno ben 15 volte) e da una elevata intensità difensiva. La gara è stata continuamente costellata da fasi alterne, in cui si sono messi in luce l’efficacia a rete di Holt e Ngapeth da una parte e della coppia centrale trentina dall’altra, con Mazzone che ha attaccato col 64% e realizzato 5 block e Solè che lo ha imitato, giungendo al 54% e stampando tre palloni a terra. Fra le file trentine, meravigliosa anche la media realizzativa di Giannelli, a segno 10 volte in cinque set con 5 muri e 3 ace. Prima debacle dunque per i biancorossi, decisamente non abituati a perdere.

Leggi anche:  Olimpiadi pallavolo maschile, Polonia troppo forte per l'Italia che va ko senza Giannelli

Al termine della gara ecco le dichiarazioni del coach dei trentini: “E’ stata una partita con tante fasi alterne, l’abbiamo giocata bene solo a tratti ma siamo stati in grado di sfruttare le occasioni”. Così l’allenatore della Trentino Volley, Angelo Lorenzetti, dopo la sconfitta di ieri sera per 3-2 a Modena.
“Nei set vinti – ha poi aggiunto- abbiamo mantenuto il vantaggio che ci eravamo costruiti, pur soffrendo, ma meritandoci il punto raccolto per la nostra classifica. Modena ha fatto la differenza in battuta e in particolar modo nel tie break, che si è messo subito in salita. Non possiamo essere contenti quando si perde, ma avevo chiesto ai ragazzi una partita da protagonisti e così è stato”.

In testa alla classifica, dunque, torna la Cucine Lube Civitanova, che sconfigge senza alcuna difficoltà la cenerentola Calzedonia Verona per 3-0 (25-15, 25-15, 25-22) con addirittura 16 punti di Juantorena e ben 12 di Sokolov (15 di Kovacevic tra gli scaligeri). Prosegue il bel momento della Lpr Piacenza, che espugna per 3-0 (25-23, 25-18, 25-23) il parquet della Kioene Padova nonostante i 17 punti siglati, tra i veneti, da Giannotti.
Altro pesante stop per la Revivre Milano, che cade malamente per 3-0 (25-20, 25-23 e 25-17) sotto i colpi della Bunge Ravenna, sospinta dai 14 punti del redivivo Torres.

Importante vittoria in trasferta della Biosi’ Indexa Sora, che espugna di misura la Calabria, per 3-2 (25-23, 25-22, 22-25, 19-25 e 15-11), il match con la Tonno Callipo Vibo Valentia.
Successo per 3-1 infine (21-25, 27-25, 25-21 e 25-23) del Gi Group Monza sull’Exprivia Molfetta nell’anticipo, mentre il match tra Sir Safety Conad Perugia e Top Volley Latina sarà recuperato mercoledì 23 novembre 2016 a causa degli impegni europei degli umbri.

  •   
  •  
  •  
  •