Superlega, verso la supersfida Modena-Trento: rispetto ma determinazione

Pubblicato il autore: Andrea Malavolti Segui

Roberto Piazza (a destra nella foto), coach dell’Azimut Modena Volley, è cauto ma al tempo stesso convinto nell’affacciarsi alla sfida con la capolista Trento in programma domani al PalaPanini di Modena. I trentini hanno perso per la prima volta in questo campionato a Piacenza, ma proprio per questo saranno iper motivati e alquanto pericolosi. “Contro Trento dovremo soprattutto concentrarci su noi stessi – esordisce Piazza – e invertire la rotta negativa, sempre che si possa usare questa espressione, che abbiamo intrapreso due giornate fa. Ma se questi momenti rappresentano un crescita sono sempre i benvenuti, purché vengano affrontati con lo spirito giusto, senza timori e con grande determinazione nel trovare le migliori soluzioni”.
Un match ancora più importante alla luce di una classifica lievemente peggiorata…
“L’ho già detto a Molfetta, le due sconfitte sono pesanti proprio per la finestra della Coppa Italia, visto anche il calendario che ci aspetta. Tutti vorranno essere presenti come teste di serie per avere maggiori possibilità di accesso alle Final Four”.
La squadra come ha reagito alle due sconfitte?
“L’Azimut le ha digerite bene, le sconfitte solitamente mettono in luce quelli che teoricamente sono i punti deboli di un team. A Molfetta alcune cose le abbiamo fatte bene, ma in altre occasioni abbiamo sprecato vantaggi che una formazione che vuole stare in alto come la nostra non dovrebbe sprecare. Poi ci sono altre cose che restano all’interno dello spogliatoio…”
Intanto anche Trento ha perso la sua prima partita giovedì scorso contro la Lpr Piacenza…
“Lo stesso Lorenzetti (coach di Trento ed ex coach di Modena ndr) non si è infuriato, Piacenza è un’ottima squadra e ha giocato una partita fantastica in un campionato che si è dimostrato fin da subito di livello altissimo. Verranno a Modena anche per vendicare la sconfitta subita in Supercoppa.
Ngapeth ci sarà?
“Sarà della partita, si è allenato regolarmente. Non sono però ancora in grado di quantificare il suo minutaggio, lo valuteremo nelle prossime ore”.
Intanto si preannuncia una partita molto diversa rispetto a quella finale di settembre…
“Completamente diversa. Trento sta giocando in un modo totalmente diverso rispetto allo scorso anno, la mano di Lorenzetti è ben visibile. Non so se anche noi stiamo giocando in maniera differente rispetto all’ultimo campionato, di sicuro stiamo giocando diversamente rispetto alla Supercoppa. Le squadre si seguono, si sono studiate, si daranno battaglia in modo più completo rispetto al passato. Domani sia noi che loro saremo chiamati a disputare un grande match”.
Anche in casa Trento c’è grande attesa per il big match che vedrà un PalaPanini esaurito fino all’ultimo ordine di posti ospitare le ultime due squadre scudettate. Massimo Colaci, libero della Diatec Trento e della Nazionale, spiega così la sconfitta di Piacenza: “Siamo un po’ calati alla distanza e l’avversario al contrario è cresciuto a dismisura, soprattutto nella fase di break point. La Lpr è una squadra molto forte che non merita l’attuale posizione di classifica.image Ma noi dobbiamo ripartire subito già contro l’Azimut, ben sapendo che quello modenese è per noi un campo tradizionalmente ostica e che Modena è infarcita di grandi campioni”.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, le partite del week end : match clou in zona salvezza
  •   
  •  
  •  
  •