Volley A1 femminile, Gaspari è il nuovo allenatore di Modena: domani l’esordio a Monza

Pubblicato il autore: antonio lucia Segui

Volley A1 femminile, Gaspari ritorna alla Nordmeccanica: domani esordisce a Monza

Gaspari
VOLLEY A1 FEMMINILE, DOMANI IL RECUPERO TRA MONZA E MODENA

Domani sera, alle ore 20.30, si disputerà il recupero della sesta giornata del massimo campionato italiano di volley femminile: la sfida tra il Saugella Team Monza e la Liu jo Nordmeccanica Modena. La gara non fu giocata al tempo, per via della trasferta in Francia delle modenesi, impegnate nel terzo turno preliminare della Champions League.
Le due squadre sono appaiate in classifica al quartultimo posto, a quota 6 punti: le brianzole li hanno conquistati battendo Montichiari e Firenze, mentre Modena è stata protagonista di un vistosissimo calo nelle ultime giornate. Infatti, le bianconere hanno vinto le prime due gare del torneo, contro Busto Arsizio e Club Italia, e poi sono crollate, inanellando una striscia negativa di 4 sconfitte consecutive, nell’ordine contro Scandicci, Montichiari, Bergamo e Novara.
A causa di questo ciclo negativo, la società emiliana ha optato per un cambio alla guida tecnica: esonerato Lorenzo Micelli, richiamato Marco Gaspari.

Leggi anche:  VNL 2021, non bastano i 28 punti di Nwakalor, l'Italia pallavolo femminile ko contro l'Olanda al quinto

VOLLEY A1 FEMMINILE, IL RITORNO DI GASPARI A MODENA

Per Marco Gaspari si tratta di un ritorno alla Nordmeccanica: nella passata stagione, quando la società si trovava a Piacenza, egli era l’allenatore della squadra che è riuscita ad arrivare fino alla finale scudetto, dove è stata poi costretta ad arrendersi all’Imoco Conegliano in Gara 4.
Il giovane tecnico marchigiano torna dunque in Serie A1 e lo fa con entusiasmo, con l’obiettivo di rilanciare una squadra che finora ha certamente reso meno rispetto a quelle che sono le proprie potenzialità. Gaspari, innanzitutto, dice che sarebbe stato impossibile rifiutare la proposta di Modena: “Io amo allenare, mi piace stare in palestra. Quando ho lasciato Trieste mi è dispiaciuto tanto, perché avevo un ruolo particolare: la società mi aveva proposto un progetto triennale in cui sarei stato una sorta di direttore tecnico, un punto di riferimento a cui affiancare con calma tante altre figure societarie. Ma sapevano bene che in caso di chiamate dalla Serie A sarei potuto andare via. Se ci sarà la possibilità in futuro però non mi dispiacerebbe tornare e dare una mano”.

Gaspari
ha parlato poi della sua nuova avventura, focalizzandosi sull’importante sfida di domani, che già assume un grande valore, per dare fiducia ed ottimismo al nuovo corso: “Sappiamo tutti che c’è poco tempo, ma questo non deve essere una scusante. La squadra è esperta e la cosa da far subito a mio avviso è partire da zero, quello che ho chiesto ieri alle ragazze nei colloqui è di cercare di ripartire facendo in maniera molto ordinata le cose semplici. La classifica del campionato non è buona, 6 punti sono pochi, ma dobbiamo mettere in campo un po’ di orgoglio, amor proprio, sangue e cattiveria. Affrontiamo Monza che è una squadra ben organizzata, l’ho studiata ieri sera e per vincere credo sia fondamentale che tutto il roster dia il massimo perché da ora in avanti ogni partita è una finale. Alcune giocatrici le conosco e sanno il mio metodo di lavoro, e questo è già un vantaggio, ma per questa settimana mi dovrò adattare a loro, poi inseriremo situazioni tecniche e tattiche migliorative. In una situazione del genere bisogna fare qualche cosa di diverso, una svolta per uscirne. Come detto il tempo è poco, ma faremo ciò che serve”. 

  •   
  •  
  •  
  •